MARTEDÌ 11 OTTOBRE 2016, 000:05, IN TERRIS

Santos dona i proventi del Nobel alle vittime della guerra con le Farc

EDITH DRISCOLL
Santos dona i proventi del Nobel alle vittime della guerra con le Farc
Santos dona i proventi del Nobel alle vittime della guerra con le Farc
Il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, ha annunciato che donerà i soldi del premio Nobel per la Pace assegnatogli venerdì scorso, alle vittime dei guerriglieri delle Farc. Il conflitto tra il governo di Bogotà e Le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia ha insanguinato il Paese negli ultimi 52 anni. La lodevole iniziativa è stata annunciata dallo stesso capo di Stato nel corso di una visita a Bojaya, località dove nel 2002 i guerriglieri bombardarono una chiesa provocando 79 morti.

"Questo premio Nobel, che alcuni considerano il più importante di tutto il pianeta, è accompagnato da un premio monetario. Voglio annunciare che ieri sera ho parlato con la mia famiglia e insieme abbiamo deciso di donare quegli otto milioni di corone svedesi (l'equivalente di circa 850.000 euro), per risarcire le vittime della guerra civile", ha detto Santos, aggiungendo che è ancora da definire se il denaro andrà "a opere o fondazioni o programmi che si occupano di pace e riconciliazione".

Durante la visita, che ha incluso la partecipazione a una celebrazione liturgica e l'incontro con i bambini e i giovani abitanti del villaggio, Santos ha ribadito che il premio "è un riconoscimento a livello mondiale per tutte le vittime" e per i colombiani rappresenta la spinta per consolidare "la pace desiderata".

"Potete essere sicuri che io non mi arrendo - ha promesso Santos - continuerò a lottare per portare a compimento il processo di pace" nonostante la recente vittoria del "no" al referendum nazionale. Il 2 ottobre scorso l’accordo di pace era stato infatti messo al voto venendo sorprendentemente bocciato dal popolo colombiano con il 50,3% dei voti contrari in opposizione al 49,7% dei voti favorevoli, con una differenza stimata di appena 65mila voti.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"