MERCOLEDÌ 01 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

SANITA' MALATA, I TRUCCHI DELLE CLINICHE PRIVATE

ANGELO PERFETTI
SANITA' MALATA, I TRUCCHI DELLE CLINICHE PRIVATE
SANITA' MALATA, I TRUCCHI DELLE CLINICHE PRIVATE
Quando si parla di malasanità viene immediatamente il pensiero di un intervento chirurgico finito in tragedia piuttosto che di una barella abbandonata per giorni in corridoio con un paziente “a bordo” oppure una pinza lasciata nella pancia di un malato. Ma c’è un’altra declinazione del concetto, meno drammatica sotto il profilo mediatico ma ugualmente devastante sotto quello delle prestazioni al pubblico: l’emorragia di soldi attraverso i rimborsi. A volte provocata da una dissennata volontà dei politici di favorire cliniche amiche, altre da una gestione allegra delle stesse strutture sanitarie.

La Corte dei Conti è in prima linea contro questi sprechi, non necessariamente ravvisabili come “truffe” sotto il profilo squisitamente penale. Ma certo il danno provocato alle casse pubbliche è tale da indignare ugualmente. E’ il caso della sentenza 185/2015 pronunciata questo mese dalla Sezione Giurisdizionale del Lazio e riguarda un trucchetto messo in campo da un Centro di chirurgia ambulatoriale senza ricovero di Civitavecchia che in pochi anni ha fruttato un indebito guadagno - soldi pagati dal servizio sanitario nazionale, cioè da tutti noi – di oltre 2 milioni e 630 mila euro. Il meccanismo era semplice: si effettuavano prestazioni sanitarie non in regime di accreditamento e poi però si chiedeva il rimborso per altre tipologia di prestazioni regolarmente accreditate. La Asl pensava di pagare un certo tipo di prestazioni che invece non erano mai state eseguite. Tutto qua. Un foglio di carta è il più era fatto.

La cosa non è sfuggita alla Finanza che ha segnalato il tutto ai magistrati contabili. I quali però hanno dovuto riscontrare che per una serie di incongruenze era intervenuta la prescrizione, col risultato che al titolare del centro è sì arrivata la condanna, ma per “solo” 358.702 euro.

Questo di Civitavecchia è però solo l’ultimo caso di un malcostume diffuso, che vede il settore sanitario nell’occhio del ciclone. Un altro, di questi giorni, è la presunta frode al Ssn architettata tra il 2007 e il 2009 e i rimborsi illegittimi, ottenuti grazie a una lunga serie di prestazioni ortodontiche camuffate da interventi ortopedici presso l’ospedale Israelitico di Roma. Attraverso i carabinieri del Nas, è stato disposto il sequestro conservativo di beni e proprietà riconducibili alla proprietà della struttura sanitaria per un valore totale di oltre 8,5 milioni di euro. Il via libera potrebbe arrivare il 15 aprile, giorno in cui è stata fissata l'udienza di convalida del provvedimento. Il 7 ottobre, invece, appuntamento davanti ai magistrati della sezione giurisdizionale, dove il caso sarà valutato nel merito.

E poi ancora il caso scoperto a Cosenza dai finanzieri del Nucleo di polizia Tributaria, dove sono stati scovati 518 soggetti beneficiari di “indennità di accompagnamento” dal 2010 al 2014 che erano stati ricoverati presso strutture ospedaliere pubbliche o private per periodi superiori a 30 giorni, con retta a totale carico dell’erario. Insomma, la retta la pagava lo Stato, e in aggiunta a questa i beneficiari si intascavano pure l’indennità. Ma i guasti esistono anche fuori dai circuiti ospedalieri. Una coppia di farmacisti 60enni di Padova, dopo aver rubato timbro e ricettario a un medico, ha falsicato le ricette intestandole a ignari pazienti o a persone decedute. Danni per le casse nazionali? Mezzo milione di euro.

La sanità sembra dunque un pozzo dove chiunque può tentare di abbeverarsi: dagli imprenditori ospedalieri agli stessi pazienti, ai farmacisti. Uno schiaffo alla deontologia non solo medica ma anche imprenditoriale. E dovrebbe essere invece uno dei settori più tutelati dalla coscienza prima ancora che dalla legge. Se questa è ancora l’Italia di oggi, perché sorprendersi delle mazzette, dei privilegi, della politica corrotta?
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Marco Impagliazzo (ph Ata)
COMUNITÀ DI S. EGIDIO

Un'agenzia pubblica per l'emergenza abitativa

Proposta in occasione della presentazione della guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi"
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"