LUNEDÌ 05 GENNAIO 2015, 000:01, IN TERRIS

SALVATI DALLE INCUBATRICI KILLER

ANGELO PERFETTI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
SALVATI DALLE INCUBATRICI KILLER
SALVATI DALLE INCUBATRICI KILLER
Appena ha sollevato il coperchio in plexiglass ha fatto fatica a restare calmo. Tra le lenzuoline destinate ai neonati c'erano serpenti, insetti, lucertole. Pensare a quel macchinario come a un'incubatrice faceva ribrezzo; eppure era realtà, abbandonata accanto alle culle e utilizzata come appoggio per un improvvisato sistema di emergenza utile - pensavano i dottori locali - a proteggere i piccoli prematuri: una stufetta accesa per tenere caldo e un ventilatore per muovere l'aria. Ma il vero orrore era ancora di là dall’essere scoperto. Prima di utilizzarle come appoggio, le incubatrici avevano funzionato qualche tempo con i termostati rotti. Per lui, militare della nave Cavour, l’ammiraglia della flotta italiana, non ci è voluto molto a inquadrare la situazione: con quel sistema la temperatura arrivava a 60/70 gradi, i neonati morivano praticamente bruciati; e anche quelli che venivano sottoposti al “trattamento” stufa elettrica/ventola non avevano miglior sorte. Inutile entrare nei dettagli più raccapriccianti, ciascuno può immaginare da sé quale dramma si consumava inconsapevolmente in quelle improvvisate stanze di ospedale.

Siamo a Mombasa in Kenya, durante una delle missioni dell’anno appena passato, e quando la portaerei arriva in rada il personale di manutenzione di bordo si mette come sempre a disposizione del territorio. Fuori dall'orario di servizio, spende il proprio tempo libero negli orfanotrofi e negli ospedali delle città e dei villaggi dove c'è bisogno praticamente di tutto. Una di quelle storie che nessuno racconta, dove la Marina Militare italiana dà il meglio di sé in contesti internazionali, e dove la generosità diventa un valore assoluto. E cosi elettricisti, idraulici, informatici, elettronici, falegnami escono dalla nave e partono per piccole missioni umanitarie che a volte si trasformano in epocali gesti di umanità. Uno schiaffo a chi non riesce a riservare agli altri nemmeno un minuto del proprio tempo.


“Ogni squadra è composta da volontari che hanno queste specifiche competenze – spiega il primo maresciallo Claudio Punzo, il protagonista di questa storia -. Si partiva verso i siti dove c’era bisogno di noi, per lo più andiamo in ospedali e orfanotrofi. E anche a Mombasa eravamo partiti per eseguire alcuni lavori di manutenzione e ritinteggiatura della loro sala di degenza. Poi abbiamo visto cose da lasciare sbigottiti. Ed è cambiato tutto.

Entriamo nell’ospedale di Mombasa; malati lasciati ovunque, cadaveri di bambini. Varchiamo la soglia del settore neonati, e ne troviamo molti. La pelle bianca, perché contrariamente a quanto si possa credere il colore della pigmentazione si forma dopo un certo tempo… Li vediamo in sofferenza: hanno bisogno di essere riscaldati e ventilati, ma tutto ciò che vediamo è una stufa elettrica e un ventilatore.

Allora chiediamo se ci siano delle incubatrici, ma ci dicono che le cinque macchine a disposizione dell’ospedale sono tutte guaste. Ne prendo una e vedo cosa si può fare. Appena mi avvicino- prosegue Punzo - vedo all’interno rettili di tutti i tipi, scarafaggi, insetti che neanche conosco. Arrivavano anche sui materassini dove i piccoli venivano appoggiati. La prendo e la porto in una zona attrezzata a magazzino di lavoro. Beh, chiamarlo magazzino è già tanto: caldo, umidità, poca luce, niente corrente. Usiamo nostri gruppi di continuità per avere luce e alimentazione. Prima di tutto una pulizia totale, poi cerco di capire cosa non va. Il termostato è fuori uso e non ci sono ricambi. Capisco il perché: gli sbalzi di tensione nell’ospedale provocano guasti in continuazione; c’è bisogno di stabilizzare la macchina.

Ma come fare? Per fortuna trovo dei condizionatori d’aria da parete rotti e gettati da una parte, e da lì recupero i termostati, ancora funzionanti. Poi con santa pazienza mi metto a fare le modifiche per adattarli alle incubatrici. Una la cannibalizzo per sostituire i pezzi rotti delle altre, poi installo i regolatori di temperatura e taro tutto a 37 gradi, come mi hanno detto i dottori. E lì il miracolo: funziona tutto, quei macchinari possono tornare in reparto, riparati e protetti da nuovi sbalzi di corrente”.

Pensava di aver fatto molto mettendo in funzione qualcosa che accogliesse 4 neonati in tutto; in realtà quelle incubatrici ne potevano accogliere tre per ognuna; una vera svolta per l’ospedale e per la vita dei piccoli africani che lì nascevano. “L’emozione più grande? – conclude il maresciallo – Quando mi hanno dato tra le braccia il primo neonato affinché fossi io a posarlo nell’incubatrice”.

 

[gallery type="slideshow" ids="31258,31257,31256,31255,31254,31253,31252,31251,31250,31249,31248,31247,31246,31245"]
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un frame del video dell'opera di Banksy postato sui social
STREET ART

Il commovente murales natalizio di Banksy in un video virale

Al centro dell'opera i senzatetto soli durante le festività
Antonio Salieri e Wolfgang Amadeus Mozart (Foto di scena)
TEATRO

Amadeus, il dramma dell'uomo contro il genio

In scena, dal 10 al 15 dicembre, l'opera di Peter Shaffer sotto la regia di Andrej Konchalovskiy
ANNIVERSARIO

40 anni dalla missione di solidarietà nel Sud est asiatico

Nel 1979 l'Italia soccorse un migliaio di profughi vietnamiti che vagavano per il mare con mezzi di fortuna in una drammatica...
Bandiere della Russia e dei Giochi olimpici
SCANDALO DOPING

La Russia è fuori dalle Olimpiadi

La decisione dell'Agenzia mondiale antidoping esclude i russi da Tokyo 2020 e Pechino 2022. Possibile ricorso al Tas
CAPOLAVORI IN MOSTRA

I patroni di Roma tornano a casa

Dalle collezioni dell’Ermitage di San Pietroburgo alla capitale d'Italia e della cattolicità: sarà...
IL PUNTO

La settimana politica

Dalla manovra alla legge elettorale, i temi al centro del dibattito
Olio d'oliva extra vergine
ALLARME COLDIRETTI

Olio: crolla il prezzo della produzione nazionale

"Le giacenze di olio straniero (spagnolo e tunisino) hanno superato i 62 milioni di chili prodotti"
 White Island
NUOVA ZELANDA

Erutta il vulcano Maha Whakaari: morti e dispersi

E' successo nella White Island proprio mentre c’era un gruppo di turisti in visita
Il monumento dedicato a Cristina Biagi
IL CASO

Femmincidio Biagi, l'Inps rinuncia al rimborso

La richiesta era stata avanzata alle figlie minorenni della donna uccisa dall'ex marito, che ferì un'altra...
Anthony Joshua
DIRIYYA

Boxe, ritmo e strategia: così Joshua è tornato re

L'inglese di nuovo campione dei pesi massimi: quello contro Ruiz è il match perfetto
Papa Francesco a Piazza di Spagna - Foto © Vatican Media
IMMACOLATA

Roma,
il monito del Papa:
"La corruzione, il pericolo più grave"

In Piazza di Spagna il tradizionale omaggio floreale alla Vergine Maria
Il Papa all'Angelus
ANGELUS

Il Papa: "Maria Immacolata, un capolavoro umile"

Il Santo Padre invita a seguire Maria come modello di disponibilità al Signore "senza autocompiacimento né...