DOMENICA 12 APRILE 2015, 15:00, IN TERRIS

RIVOLUZIONE GREEN: ENERGIA ELETTRICA DAGLI AGRUMI DI SICILIA

Il progetto pilota del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania, è finanziato da The Coca-Cola Foundation

MILENA CASTIGLI
RIVOLUZIONE GREEN: ENERGIA ELETTRICA DAGLI AGRUMI DI SICILIA
RIVOLUZIONE GREEN: ENERGIA ELETTRICA DAGLI AGRUMI DI SICILIA
Chi avrebbe potuto immaginare che gli avanzi di arance e limoni potessero alimentare le lampadine? Fino a ieri il residuo umido della lavorazione degli agrumi di Sicilia - arance, limoni, pompelmi, mandarini, clementine e cedri – chiamato in gergo “pastazzo”, era considerato solo un rifiuto. Tra l’altro, anche difficile da smaltire, a causa delle enormi quantità presenti e degli alti costi per eliminarle: 340mila tonnellate di pastazzo prodotte annualmente nella sola Sicilia e una spesa per lo smaltimento di oltre 10 milioni di euro.

Da oggi, però, questo grande spreco verrà “riconvertito” all’interno di un impianto in grado di trasformare il pastazzo in energia pulita. L’impianto sfrutta la quantità di digestione anaerobica delle bucce e della polpa dei frutti per la produzione di energia elettrica, biometano, bioprodotti e nutrienti per il terreno. I 500 metri cubi di biogas così ricavati sarebbero in grado di attivare un generatore per la produzione di 1 MW di energia elettrica, un quantitativo sufficiente ad alimentare il consumo di 333 abitazioni.

Il progetto pilota vede impegnati, a Catania, il Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente dell’Università di Catania, il Distretto agrumi della Sicilia, la cooperativa Empedocle e un finanziamento non condizionato di The Coca-Cola Foundation. Secondo un recente studio, basterebbero 20 impianti simili a quello in sperimentazione per risolvere definitivamente il problema del pastazzo dell’intera isola ottenendo in cambio energia ‘green’. L’iniziativa, in un secondo momento, potrebbe coinvolgere anche altri rifiuti come sansa, vinacce e pale di fichi d’India. Questa lodevole iniziativa è l’ennesima riprova che niente in natura è “da gettare” perché anche dai cosiddetti scarti si può produrre ricchezza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"