RIFORMA TERZO SETTORE, ANPAS: “RICONOSCERE E VALORIZZARE IL VOLONTARIATO”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:30

A seguito del consiglio nazionale, tenutosi a Sarzana lo scorso 18 aprile 2015, in occasione dei 140 anni della pubblica assistenza, Anpas ha elaborato un documento dove ribadisce la necessità di un riconoscimento e di una valorizzazione del volontariato, nucleo originale ed innovativo dell’intero Terzo Settore. In Italia ci sono circa 5 milioni i volontari e l’ Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze (Anpas) si sta interrogando sulla recente formulazione del DDL di riforma del Terzo Settore.

Fabrizio Pregliasco, presidente Anpas ha dichiarato: “Non sono tante le realtà che superano il secolo di vita e di attività, che sono state capaci di superare due guerre, una dittatura e che, ciò nonostante, sono state capaci di adattarsi anche al contesto normativo in continuo cambiamento e che ne ha regolato le attività e la vita associativa”, “Anpas in questo percorso sta cercando di formulare quelle che sono le sue proposte nel percorso di approvazione del Disegno di Legge e dei conseguenti Decreti Legislativi attuativi e contemporaneamente, al suo interno, si sta attrezzando per cogliere al meglio le nuove opportunità della riforma per rispondere sempre in modo adeguato alle necessità delle comunità e del Paese”.

Nel rapporto programmatico dell’Associazione si legge: “Nei decreti attuativi occorrerà rafforzare la possibilità per il volontariato di svolgere attività commerciali e di impresa strumentali alla realizzazione dei propri scopi istituzionali”. Si propone inoltre un welfare universalista e partecipato dove comunità locali e cittadini siano soggetti attivi, co-decisori e quindi attori delle scelte e delle azioni politiche conseguenti. Un welfare non riparatorio, ma di promozione e sviluppo. “È necessario difendere il ruolo attivo dei cittadini in un welfare universalista e partecipato che promuova e difenda un’idea benessere che non può limitarsi solo agli aspetti sanitari e sociali, per quanto importanti, ma che sappia guardare agli stili di vita e alla sostenibilità ambientale” afferma il presidente. E sul Servizio Civile Universale nel rapporto (art.8) si chiede di renderlo “accessibile a tutti i giovani che chiedono di parteciparvi, mantenendone un’identità costituzionale fondata sulla difesa della Patria in modo non armato e non violento”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.