GIOVEDÌ 30 MARZO 2017, 000:05, IN TERRIS

Riduzione del gap tra ricchi e poveri: scuola italiana al top in Europa

MILENA CASTIGLI
Riduzione del gap tra ricchi e poveri: scuola italiana al top in Europa
Riduzione del gap tra ricchi e poveri: scuola italiana al top in Europa
La scuola italiana è tra le migliori al mondo. Difficile a crederlo? Eppure, lo rivela l’Ocse - Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa; coi i suoi 57 paesi membri è la più vasta organizzazione regionale per la sicurezza - grazie ad uno studio internazionale che ha cercato di rispondere a una semplice, ma affatto scontata, domanda: come varia il gap tra studenti svantaggiati e avvantaggiati dopo il diploma, in termini di abilità in Lettura e Matematica?

Lo studio Osce


Nella pratica, gli esperti dell’Ocse hanno messo a punto un indice che confronta due differenti gruppi di persone in termini di performance in Lettura e Matematica. Il primo gruppo era composto da quindicenni di una quarantina di paesi e economie dei cinque continenti, che ogni tre anni partecipano all’indagine "Pisa" (Programme for International Student Assessment); il secondo gruppo, soggetti di 25/27 anni di età che partecipano all’indagine Piaac (Programme for the International Assessment of Adult Competencies) sulle capacità in Lettura e Matematica degli adulti.

I risultati


I risultati hanno evidenziato un dato che non ha di certo stupito nessuno: dopo il diploma, le differenza di prestazione tra studenti avvantaggiati (vale a dire quelli con almeno un genitore laureato e con oltre 100 libri a casa) e svantaggiati (con meno libri e genitori con un livello di istruzione più basso) crescono in tutti e 20 i paesi oggetto dello studio. Ma la sorpresa è che la scuola italiana - come nessun altro Paese preso in esame - riesce a tenere abbastanza vicini i risultati degli studenti con opportunità di partenza molto diverse. Più e meglio - dunque - di quanto non accada all’estero!

L'analisi


"Emerge in modo abbastanza chiaro - commenta Francesca Borgonovi, che ha partecipato alla stesura del focus - il fatto che, dato l’allungamento della vita lavorativa e della fine della sicurezza di percorsi lineari della vita lavorativa, le competenze e soprattutto lo sviluppo delle competenze lungo la propria vita siano importantissime”. Nonostante i bei risultati della scuola italiana, “Il mondo del lavoro, la formazione professionale e l’università – conclude l’esperta Ocse – non sono in grado di alleviare le differenze tra classi sociali che emergono alla fine della scuola dell’obbligo, anzi tendono a rinforzarle”. Ma (almeno) in Italia meno che altrove.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"