Ridare speranza alla terra dei Fuochi: Ecopneus premia gli alunni delle scuole medie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:27

“Da Terra dei fuochi a Terra felix”: un concorso per dare speranza ai ragazzi di Afragola, Napoli.  Gli alunni della  II A della scuola media Settembrini-Ciaramella sono stati infatti premiati da Ecopneus, società senza scopo di lucro, principale responsabile in Italia della gestione degli PFU, gli Pneumatici Fuori Uso: a loro è stato donato  un campetto polivalente in gomma riciclata, a cui ha contribuito anche il Comune.

Il concorso è legato al progetto Educational che Legambiente ha promosso con la Ecopneus e che  ha condotto in 52 classi di scuole medie della Terra dei fuochi, coinvolgendo oltre 1.200 studenti, in attività e lezioni in classe legate al corretto recupero dei pneumatici. Alle altre due scuole finaliste, l’Istituto “Europa Unita” di Afragola e la scuola “G. Caporale” di Acerra, Ecopneus ha donato rispettivamente un’area gioco in gomma riciclata con attrezzature ludiche e una postazione informatica completa. Il messaggio di speranza per la Terra dei Fuochi è stato affidato a un video, che i ragazzi hanno realizzato sulle buone pratiche legate al corretto recupero degli pneumatici.

Così il campo donato alla scuola vincitrice, che non disponeva di strutture all’aperto per attività sportiva, è stato realizzato stati impiegando 7.000 chili di polverino di gomma riciclata mentre altri 2.400 chili sono contenuti invece nell’area gioco: il riscontro tangibile al tempo stesso di ciò che si può fare con il riciclo, che è partito dalla raccolta straordinaria di PFU abbandonati che Ecopneus sta effettuando nelle province di Napoli e Caserta nell’ambito del Protocollo per la Terra dei fuochi.

“Accanto all’impegno operativo sul territorio, Ecopneus affianca da sempre attenzione al tema della sensibilizzazione e formazione, in particolare delle giovani generazioni, perché parallelamente alle attività quotidiane che anche quest’anno hanno consentito di avviare a recupero in Italia già oltre 227mila ton di PFU, di cui circa 21mila tonnellate solo in Campania, si alimenti un terreno di etica e legalità che contagi tutti, cittadini ed imprese – ha detto Giovanni Corbetta, direttore Ggenerale di Ecopneus – Solo la scelta quotidiana di ciascuno contro l’illegalità potrà contrastare e eliminare definitivamente i flussi di abbandono illegale che ancora persistono in tutta Italia e che in Campania si legano al triste fenomeno dei roghi tossici”. La premiazione dei ragazzi delle scuole della Terra dei fuochi rappresenta dunque per Ecopneus la chiusura ideale di un percorso avviato da tempo e che ha dimostrato che è possibile intervenire fattivamente sulle emergenze ambientali del territorio educando allo stesso tempo le nuove generazioni alla legalità e al rispetto dell’ambiente.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.