GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 002:30, IN TERRIS

RICERCATORI ITALIANI FOTOGRAFANO NEL CERVELLO LE DIFFERENZE TRA SOGNO E FANTASIA

Con una risonanza magnetica sono state evidenziate le aree che si attivano durante la narrazione

MANUELA PETRINI
RICERCATORI ITALIANI FOTOGRAFANO NEL CERVELLO LE DIFFERENZE TRA SOGNO E FANTASIA
RICERCATORI ITALIANI FOTOGRAFANO NEL CERVELLO LE DIFFERENZE TRA SOGNO E FANTASIA
Grazie ad un progetto completamente "made in Italy", un gruppo di ricercatori è riuscito a "fotografare" le differenze biologiche tra sogno e fantasia, individuando così le aree del cervello che vengono coinvolte nella rievocazione di queste due diverse forme di immaginazione. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul Journal of Sleep Research ed è firmata da un gruppo di scienziati coordinato da Francesco Benedetti, Capo Unità Psichiatria e Psicobiologia Clinica dell'Ospedale san Raffaele di Milano, e da Armando D'Agostino, del Dipartimento di Scienze della Salute dell'Università degli Studi di Milano.

Durante una singola sessione di risonanza magnetica funzionale (Fmri) è stato chiesto ai partecipanti allo studio di raccontare le proprie fantasie e i propri sogni, raccolti in un diario il mese precedente. Si è così scoperto che durante la rievocazione delle esperienze vengono attivate le aree corticali specifiche dell'emisfero destro (giro frontale inferiore e giri temporali medio e superiore), che sono associate alla creatività e all'immaginazione.

"Durante la rievocazione di queste esperienze si attivano aree corticali specifiche dell'emisfero destro associate alla creatività e all'immaginazione. La scoperta ha evidenziato che tali aree si attivano soltanto quando i soggetti rievocano le fantasie e si disattivano progressivamente durante la rievocazione dei sogni, che rimangono così incoerenti e incomprensibili anche nella veglia. - hanno spiegato i ricercatori - I risultati ottenuti suggeriscono, quindi, che queste strutture siano responsabili del mantenimento di una consequenzialità logica elevata, come nella veglia e durante il fantasticare, sia del suo venire meno durante i sogni".

Secondo Benedetti questa nuova scoperta potrebbe essere un nuovo punto di partenza per poter comprendere alcuni stati mentali patologici come la psicosi, ossia una condizione psichiatrica grave in cui il racconto dell'esperienza cosciente a volte viene compromessa come nel sogno. Secondo D'Agostino si tratta di "un importante traguardo nell'ambito delle neuroscienze, che si confrontano con l'impossibilità di accedere ad un'osservazione diretta di questi stati mentali".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"
DIRITTO DI REPLICA

Annullato l'arresto per il sindaco Caliandro

Il primo cittadino di Villa Castelli era stato coivolto in un'inchiesta su presunte tangenti