MARTEDÌ 19 MAGGIO 2015, 000:25, IN TERRIS

REVOCATO LO SCIOPERO DI MEDICI DI BASE E PEDIATRI

AUTORE OSPITE
REVOCATO LO SCIOPERO DI MEDICI DI BASE E PEDIATRI
REVOCATO LO SCIOPERO DI MEDICI DI BASE E PEDIATRI
Revocato lo sciopero dei medici di base e dei pediatri di libera scelta convocato per oggi. Sindacati e rappresentanti del governo hanno infatti sottoscritto un accordo con impegni precisi a tutela della figura del medico di famiglia ed a garanzia del rinnovo della convenzione di categoria con il Servizio sanitario nazionale; proprio il mancato rinnovo della convenzione era la ragione alla base della proclamazione dello sciopero. Soddisfatto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin che, annunciando in un tweet la revoca della protesta, ha scritto: "prendiamo impegni e li rispettiamo, grazie a tutti per il buon senso. I pazienti prima di tutto".

Nel pomeriggio, prima dell'incontro al ministero, le sigle promotrici dello sciopero (Fimmg, Fimp e Cipe) - e che rappresentano oltre il 70% dei medici di base e pediatri di libera scelta - avevano avvertito che una revoca della protesta sarebbe stata possibile solo a fronte di misure concrete. L'accordo sottoscritto con i rappresentanti del governo ha dunque soddisfatto la richiesta dei medici, come sottolinea il segretario della Fimmg, Giacomo Milillo: "abbiamo apprezzato - ha affermato - l'attenzione del governo ai problemi che abbiamo posto, pur nei limiti degli spazi che leggi e Costituzione rimettono allo stesso governo. Nel merito - ha chiarito - ci sono state date assicurazioni sul rispetto dell'autonomia professionale del medico di famiglia e dei livelli retributivi. E soprattutto c'è l'impegno del governo a vigilare che vada avanti la trattativa per il rinnovo della convenzione".

Importante, secondo Milillo, anche l'impegno a promuovere un tavolo di confronto "per ragionare su possibili miglioramenti". Domani, quindi, gli studi dei medici di famiglia e dei pediatri resteranno aperti, anche se potrebbero comunque verificarsi dei disagi localizzati: "gli studi saranno aperti - ha detto Milillo - compatibilmente pero' con la possibilita' di riuscire ad informare tutti i medici sul territorio dell'avvenuta revoca dello sciopero". E' "fondamentale - ha concluso il leader sindacale - che dal governo sia venuto un impegno forte a difesa della professionalita' e del ruolo dei medici di famiglia".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...