MARTEDÌ 19 APRILE 2016, 000:05, IN TERRIS

QUELL'INCIDENTE DELLA BAIA DEI PORCI CHE FECE TREMARE IL MONDO

MATTIA SHERIDAN
QUELL'INCIDENTE DELLA BAIA DEI PORCI CHE FECE TREMARE IL MONDO
QUELL'INCIDENTE DELLA BAIA DEI PORCI CHE FECE TREMARE IL MONDO
Sono passati 55 anni da quel lontano 1961, quando circa 1.500 esuli cubani, addestrati e guidati dalla Cia, sbarcarono sulla "Playa Giron" con l'intenzione di invadere l'isola senza successo. Considerata da alcuni analisti uno dei più grossi flop degli Stati Uniti dal punto di vista strategico, l'invasione della Baia dei Porci da parte di un gruppo di anti-castristi esuli e forze statunitensi intendeva rovesciare il regime di Fidel Castro, ma fallì in poco più di due giorni.

L'allora "lider maximo" la declamò come "la più grande sconfitta dell'imperialismo nordamericano nell'America Latina". Ma a distanza di oltre cinquant'anni, anche se Fidel ha ceduto il potere al fratello minore Raul che ora, dalla tribuna del Congresso del Partito comunista, annuncia la volontà di rinnovare la classe dirigente cubana e il varo di riforme economiche, i rapporti tra Usa e Cuba sono notevolmente cambiati.

"Con la fine dell’embargo degli Usa, ci sarà più libertà a Cuba". Questo fu l’auspicio che il cardinale segretario di Stato Vaticano, Pietro Parolin, ha espresso in un’intervista alla vigilia del viaggio di Papa Francesco a Cuba e negli Stati Uniti. "C’è da sperare e da augurarsi che una misura di questo genere, cioè una liberalizzazione a livello di vincoli e di legami soprattutto a livello economico, possa portare anche una maggiore apertura dal punto di vista della libertà e dei diritti umani, un fiorire di questi aspetti fondamentali per la vita delle persone e dei popoli. Sul tema dell’embargo, la posizione della Santa Sede è ben nota ed è una posizione contraria".

"L’embargo, per il tipo di sanzione, provoca disagi e sofferenze nella popolazione che lo subisce. Per questo motivo, la Santa Sede ha sempre appoggiato le mozioni che chiedono una revoca dell’embargo a Cuba". Quindi, "c’è da sperare, come dicono i vescovi, che una misura di questo genere, cioè una liberalizzazione a livello di vincoli e di legami, soprattutto a livello economico, possa portare però anche una maggiore apertura dal punto di vista della libertà e dei diritti umani, un fiorire di questi aspetti fondamentali per la vita delle persone e dei popoli".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il sindaco di Mantova, Mattia Palazzi
CONCUSSIONE

Accuse al sindaco di Mantova ma è giallo

Avrebbe chiesto favori sessuali in cambio di contributi comunali ma la presunta vittima smentisce
Agenti dei Mossos d'Esquadra
BARCELLONA

Rissa ne quartiere Raval: ucciso un italiano

L'uomo è stato aggredito nei pressi di un "narco-pisos", appartamenti legati allo spaccio e al consumo di...
Amazon
DIRITTI

Il "venerdì nero" dei lavoratori Amazon

Sciopero sindacale per "condizioni di lavoro inaccettabili"
SUD AFRICA | CASO PISTORIUS

Pena raddoppiata in appello, dovrà scontare 13 anni

L'atleta paralimpico non era in aula per la pronuncia d'appello
Virginia Raggi e Beatrice Lorenzin
SEDE AGENZIA DEL FARMACO

Lorenzin, polemica con Raggi sull'Ema

Il ministro: "Un errore rinunciare alla candidatura". La sindaca: "Preferita Milano"
Igor il Russo
L'INDAGINE

Igor il Russo,
5 sospettati
per favoreggiamento

Il killer di Budrio è svanito nel nulla da aprile. Potrebbe essere stato aiutato
Violenze sui bambini

I fratelli più piccoli

Telecamere nascoste piazzate dalla Polizia in una scuola materna di Vercelli, hanno messo a nudo la cruda realtà...
Migranti in Israele
MIGRANTI

Ruanda pronto ad accogliere 10 mila persone

Si tratta di cittadini africani che Israele si accinge ad allontanare dal suo territorio