LUNEDÌ 20 LUGLIO 2015, 12:00, IN TERRIS

PRIGIONIERI DI GUERRA AI LAVORI FORZATI, MITSUBISHI SI SCUSA DOPO 70 ANNI

La holding giapponese li costringeva a lavorare nelle sue miniere

MILENA CASTIGLI
PRIGIONIERI DI GUERRA AI LAVORI FORZATI, MITSUBISHI SI SCUSA DOPO 70 ANNI
PRIGIONIERI DI GUERRA AI LAVORI FORZATI, MITSUBISHI SI SCUSA DOPO 70 ANNI
A settant’anni dalla fine della seconda guerra mondiale, Mitsubishi – la più grande holding finanziaria del Giappone nata nel 1875 come azienda di costruzioni navali - si è scusata ufficialmente con gli ex prigionieri di guerra americani costretti a lavorare nelle miniere del gigante industriale nipponico fino al 1945. Durante il conflitto, infatti, l'industria fu impiegata per produrre mezzi corazzati, tra cui il carro armato Type 95 Ha-Go e l’aereo da caccia Mitsubishi A6M "Zero".

Lo storico gesto è arrivato durante una cerimonia al Museo della tolleranza del Centro Simon Wiesenthal di Los Angeles. Hikaru Kimura, un dirigente della compagnia, ha “chiesto scusa con animo pieno di rimorsi” a James Murphy, 94 anni, uno dei pochissimi prigionieri americani ancora in vita dei 12 mila impiegati come schiavi. "Per 70 anni da quando la guerra è finita", ha detto Murphy, accettando le scuse "sincere ed umili", "i prigionieri di guerra che lavorarono per le compagnie nipponiche hanno chiesto una sola cosa: le scuse".

Mitsubishi è la prima grande azienda giapponese a compiere questo gesto. Il governo di Tokyo, dal canto suo, ha atteso fino a settembre 2010 per presentare le scuse ufficiali agli ex prigionieri di guerra americani per i "trattamenti disumani" subiti. Circa 900 prigionieri americani erano stati obbligati a lavorare nelle quattro miniere gestite da Mitsubishi in Giappone. Le altre migliaia erano stati inviati in altre aziende che però non hanno mai fatto sentire (per ora?) la propria voce in merito.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma