VENERDÌ 29 MAGGIO 2015, 000:30, IN TERRIS

PIU' FORTE DELL'ABORTO

HORTENSIA HONORATI
PIU' FORTE DELL'ABORTO
PIU' FORTE DELL'ABORTO
Secondo la scienza Gianna doveva morire. Più precisamente i medici sapevano che la soluzione salina iniettata nell'utero della madre, le avrebbe bruciato gli organi interni ed esterni, fino ad annientare completamente quella piccola vita che chiedeva di essere accolta. Dopo 24 ore dalla pratica i dottori avrebbero dovuto estrarre il corpicino senza vita e, una volta gettato tra i rifiuti sanitari il “problema” sarebbe stato risolto.

Non è andato tutto secondo i piani però, perché Gianna è sopravvissuta, la sua stessa vita è uno schiaffo a chi crede che l'aborto sia un'azione innocua che possa garantire la libertà della donna. Un'infermiera vedendo che la piccola era ancora viva, decise di portarla di corsa in ospedale con un'ambulanza, senza tener conto della prassi che veniva osservata in America fino al 2002: nel caso in cui un bambino sopravviveva alla pratica di interruzione di gravidanza, i medici erano tenuti a intervenire mediante strangolamento, soffocamento o lasciandolo in disparte fino al raggiungimento della morte.

Dopo tre mesi di cure intensive Gianna viene data in affidamento ad una donna di nome Penny, la quale viene informata dai medici che la bambina non potrà mai camminare perché l'aborto mal riuscito le ha provocato una paralisi cerebrale. La donna non si lascia scoraggiare e lavora duramente per permettere alla piccola di avere il meglio. Opera instancabilmente con la fisioterapista e all'età di 4 anni inizia a muovere i primi passi con l'ausilio di un apparecchio ortopedico e di un girello.

Non passa molto tempo che Gianna impara a camminare autonomamente e insieme alle prime piccole vittorie, arriva anche l'adozione. Oggi ha 38 anni, gira il mondo annunciando la sua storia, testimoniando la sua fede e spiegando che nonostante ogni giorno si trovi a fare i conti con una disabilità motoria, è felice di vivere: “Vedete, signore e signori, io sono più debole rispetto alla maggior parte di voi, ma questo è un piccolo prezzo da pregare per essere capace di benedire il mondo e offrire una speranza. A volte non comprendiamo la sofferenza, quando arriva ci dimentichiamo del fatto che Dio ha tutto sotto controllo e che Lui ha il suo modo per far diventare bellissime le cose più miserabili. Non sono qui per mettervi a vostro agio – spiega Gianna alla platea in ascolto – Sono qui per dirvi che stiamo combattendo nel mondo un'interessante battaglia, che vi piaccia o no. Si tratta della lotta che vede affrontare la vita e la morte. Mi hanno odiata fin dal concepimento, ma sono stata amata da molte più persone e specialmente da Dio. A questo punto sono costretta a chiedere: se l'aborto è una questione di 'diritti della donna,' dov'erano i miei? Non c'era nessuna femminista a protestare contro l'ingiustizia che veniva portata avanti in quell'ambulatorio”.

Nella Bibbia il profeta Giovanni Battista viene definito come “voce di uno che grida nel deserto” e la sua figura non era ben vista dal popolo, ma soprattutto dalle autorità che si sentivano spesso minacciate dalla sua perseverante denuncia della verità. Oggi a distanza di 2000 anni anche Gianna percorre le stesse strade, in una società in cui l'aborto viene considerato una conquista e un simbolo di libertà, la giovane donna non si stanca di annunciare come questa pratica non sia altro che un omicidio.

E' soprattutto agli uomini che la donna si rivolge cercando di risvegliare la loro coscienza, così come ha fatto durante una conferenza in cui è stata chiamata a raccontare la sua storia: “Voi siete stati fatti per grandi cose, per difendere le donne e i bambini e non per girare la testa quando uno di questi piccoli viene ucciso. Non siete stati fatti per usarci e poi lasciarci sole. Siete stati creati per essere gentili e forti, per difendere ciò che è buono e giusto. Avete l'opportunità di scegliere e se qualcuno di voi può essere annoiato dal fatto che ho parlato così tanto di Dio, beh... rispondo che io non posso fare a meno di stare a questo mondo senza dire con tutto il mio cuore, con tutta la mente e la mia anima che la mia forza è Cristo che mi ha dato la vita”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"