MARTEDÌ 15 NOVEMBRE 2016, 17:53, IN TERRIS

Perché la riforma non è illegittima

GIOVANNI PESCE
Perché la riforma non è illegittima
Perché la riforma non è illegittima
Alcuni autorevoli costituzionalisti sostengono che la riforma costituzionale sarebbe illegittima in quanto approvata da un Parlamento eletto sulla base di una legge elettorale dichiarata incostituzionale a seguito della sentenza della Consulta numero 1 del 2014. Sostengono inoltre che il quesito del referendum non consentirebbe ai cittadini di capire l’oggetto della riforma. Le cose stanno diversamente.

La sentenza in questione non può essere intesa come freno ai poteri degli altri organi statali, in particolare del Presidente della Repubblica (Napolitano accettò la rielezione sul presupposto che le forze politiche facessero le riforme in cantiere da trent’anni) e le Camere (i cui atti, secondo la stessa Corte, avrebbero mantenuto piena validità giuridica anche dopo la sentenza). La declaratoria di incostituzionalità di una legge elettorale non si può assimilare all’atto di scioglimento delle Camere (questo è l’argomento analogico della Corte), che compete solo al capo dello Stato. Tanto è vero che in questa pronuncia manca un termine finale oltre il quale considerare non più ordinaria l’attività del Parlamento: ciò che non può esistere nel caso dello scioglimento dello stesso. Sul punto la sentenza non ha detto altro e non è corretto utilizzarla per portare acqua alle ragioni del No. Si limita a fissare paletti per il Legislatore, come dovrebbe essere in una logica collaborativa tra i poteri dello Stato. C’è poi un argomento che potremmo definire “definitivo”: la tesi della “delegittimazione” avrebbe potuto avere qualche fondamento se la riforma fosse stata approvata dalle sole Camere con la maggioranza dei 2/3. Ma siccome si voterà il referendum, qui è il popolo che si fa “organo costituente” e perciò idoneo a sanare qualsiasi pecca formale o politica. Ed il popolo resta sovrano.

E non è neppure vero che il quesito referendario è oscuro e perciò illegittimo (punto sollevato anche dinanzi al giudice amministrativo e già respinto). L’ordinamento prevede che debba essere la corte di Cassazione – in particolare Ufficio centrale per il referendum – a “dichiarare la legittimità” del quesito referendario: evento che in questo caso è avvenuto. A sua volta, la regolarità del quesito discende da quella (identica) della richiesta di referendum, in merito alla quale l’Ufficio centrale è chiamato ad accertare la “conformità” alle norme dell’articolo 138 della Costituzione. L’art. 16 della legge n. 352 del 1970 predetermina la formula da sottoporre a consultazione e ciò a differenza del referendum abrogativo che consente qualche “denominazione” attraverso cui lasciar trasparire le intenzioni dei proponenti.

In sintesi, a seguito della decisione della Cassazione, il Presidente della Repubblica non poteva far altro che indire il referendum con la formulazione attuale del quesito.
Chi parla di illegittimità non vuole aiutare i cittadini elettori: tanto è vero che l’accoglimento di questa teoria finirebbe per generare una situazione paradossale, quale la riproduzione dei 47 articoli della riforma costituzionale sulla scheda elettorale. Dove sta allora la semplificazione per i cittadini? A me pare che si miri solo a far saltare il referendum.

La verità sembra un’altra. La tesi di fondo di questi autorevoli giuristi (non espressa ma intuibile a chi vuole leggere “tra le righe”) è la seguente: è inutile modificare la Costituzione perché l’intera classe politica è rissosa, inconcludente ed anche incompetente (salvo il caso in cui venga ascoltata una ristrettissima cerchia di esperti). Secondo questa visione lo stesso percorso dell’art. 138 (maggioranza assoluta più referendum) non andrebbe bene perché la Costituzione materiale suggerirebbe che sarebbe meglio evitarlo. E’ una concezione a mio avviso elitariadella democrazia e della politica perché considera immatura qualsiasi classe dirigente e tende a concentrare il vero potere in poche mani.

Sino al voto del 4 dicembre Interris.it, senza prendere una posizione, ospiterà i sostenitori del “Sì” e del “No” al referendum, per consentire ai lettori di farsi liberamente una propria opinione a riguardo
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Agenti della polizia tedesca
GERMANIA | TERRORISMO

Pianificavano attentato al mercatino di Natale: 6 arresti

Per l'attacco i fermati intendevano utilizzare armi ed esplosivo
Il premier Gentiloni e la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso
PENSIONI

La Cgil boccia la proposta del Governo

Gentiloni: "Misure rilevanti e sostenibili. Camusso critica: "Mobilitazione il 2 dicembre"
CASCINA

Proiettili al sindaco donna che combatte gli stupri

Bossoli accompagnati da una lettera in cui la Ceccardi viene accusata di razzismo
VIOLENZA SUI MINORI

Sposa a nove anni a Padova: la Procura smentisce

La terribile notizia diffusa da un quotidiano locale stamattina
Oguz Guven
TURCHIA

Il direttore di Cumhuriyet web condannato per terrorismo

Oguz Guven dovrà scontare 3 anni e 1 mese per un tweet sulla morte sospetta di un magistrato
Sciopero nazionale dei taxi
SCIOPERO NAZIONALE DEI TAXI

Salta la trattativa col ministero, auto bianche ferme in tutta Italia

I sindacati hanno definito "insufficiente" il decreto attuativo emesso dal governo dopo l'accordo dello scorso...
L'asteroide 1I/2017 U1 o Oumuamua
OGGETTI INTERSTELLARI

Ecco Oumuamua, l'asteroide alieno

Osservato il 17 ottobre, presenta una forma simile a un sigaro e viene da fuori il Sistema solare
Marte, il cratere Schiaparelli
ROMA | MOSTRA RED HOPE

I paesaggi di Marte diventano opere d'arte

Per la realizzazione di queste opere, l'artista ha utilizzato i telai dei laboratori artigianali di un villaggio indiano nei...
Vigili del fuoco in India
INDIA

Scoppia un incendio in fabbrica: almeno 10 morti

Nel 2013, scondo l'Ilo, su un totale di 402 milioni di lavoratori, ci sono stati oltre 40 mila incidenti mortali sui luoghi...
Putin e Assad
SOCHI

Putin vede Assad: "Terrorismo verso la sconfitta"

Il presidente russo: "Le operazioni si avviano a conclusione. Ora avanzi il processo politico"
Angela Merkel
GERMANIA

Merkel punta a nuove elezioni

Manca ancora l'accordo per il governo. La cancelliera non vuole un esecutivo di minoranza
Il videomessaggio del Pontefice
PAPA FRANCESCO

"I credenti promuovano la reciproca comprensione"

Videomessaggio alla popolazione del Bangladesh alla vigilia del viaggio apostolico
Alessandro Di Battista
LA DECISIONE

Di Battista lascia: "Ma resto nel M5s"

Uno dei maggiori leader pentastellati esce dai palazzi: "Voglio scrivere e girare il mondo". E i militanti già...
Il sottomarino Ara San Juan
SOTTOMARINO DISPERSO

"I segnali non sono del 'San Juan'"

La Marina militare argentina smentisce che i suoni captati dai sonar appartengano al sommergibile, sparito dai radar da 5 giorni