MARTEDÌ 26 MAGGIO 2015, 005:01, IN TERRIS

OSLO: NASCE LA PRIMA "AUTOSTRADA" PER INSETTI

L'iniziativa nasce per combattere il fenomeno delle estinzioni degli animali

AUTORE OSPITE
OSLO: NASCE LA PRIMA
OSLO: NASCE LA PRIMA "AUTOSTRADA" PER INSETTI
Nella settimana in cui il mondo ha celebrato la biodiversità come valore non solo da conservare ma soprattutto da sviluppare, anche nell'agenda delle nuove generazioni, la Norvegia aggiunge un suo tassello in favore degli insetti. Ad Oslo è stata inaugurata la prima "autostrada cittadina" per calabroni, api e compagni. L'idea, spiegata al giornale locale Osloby, è stata della Società di giardinaggio della capitale norvegese che ha proposto di creare attraverso le vie della città un percorso che avesse sufficiente cibo - quindi fiori e piante - per nutrire calabroni e insetti che la attraversano.

Tonje Waaktaar Gamst, della Società di Giardinaggio, ha spiegato che sufficiente cibo significa anche far superare agli insetti tutto lo stress causato dalle manipolazioni umane sull'ambiente. Nelle città in generale vi sono poche occasioni di impollinazione e spesso, affermano gli esperti, gli insetti muoiono letteralmente di fame; e senza di loro si hanno gravi danni anche alle coltivazioni. Gams e la sua squadra hanno piazzato così vasi di fiori sui tetti e sui terrazzi della abitazioni lungo un percorso che va da est a ovest della città. Ogni 250 metri bombi e calabroni trovano un "punto di ristoro", messo a disposizione dopo che la municipalità di Oslo ha coinvolto organizzazioni ecologiste, animaliste e privati per collaborare al progetto. In molti, spinti da spirito ecologista hanno piantato fiori nelle loro proprietà lungo l' "autostrada" dei calabroni.

L'organizzazione BiBy ad esempio ha lanciato una app che evidenzia in grigio le aree prive di fiori in modo da spingere chi vi abita a provvedere. Secondo la Società di Giardinaggio, sebbene inferiore a quanto sta avvenendo ad esempio negli Stati Uniti, il fenomeno della progressiva estinzione di alcune specie di insetto (sei su 35) è purtroppo ben conosciuto in Norvegia e in altri paesi europei. L'idea di Oslo cerca di porre rimedio evitando il peggio, e conservando tutta la possibile biodiversità anche in città.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana
Calcio, Italia vs Spagna
MONDIALI RUSSIA 2018

Fuori la Spagna, dentro l'Italia

Per la Fifa le ingerenze del governo spagnolo possono essere sanzionate con l'esclusione della Roja dalla fase finale del...
Shopping natalizio per le vie di Milano
NATALE | COLDIRETTI

Il 39% degli italiani spenderà la tredicesima in regali

Ogni famiglia spenderà in media 528 euro tra cibo, viaggi e divertimento
Turista al Colosseo
MIBACT

Al via Passeggiate Fotografiche Romane

Dal 15 al 17 dicembre lungo 5 percorsi capitolini