MERCOLEDÌ 03 GIUGNO 2015, 004:30, IN TERRIS

ONU: IN UCRAINA ALMENO 6417 MORTI DA INIZIO CONFLITTO

L’osservatore dell’Organizzazione delle Nazioni Unite denuncia soprusi e corruzione in entrambi gli schieramenti

MILENA CASTIGLI
ONU: IN UCRAINA ALMENO 6417 MORTI DA INIZIO CONFLITTO
ONU: IN UCRAINA ALMENO 6417 MORTI DA INIZIO CONFLITTO
Almeno 6.417 persone sono state uccise nel conflitto nell'est dell'Ucraina, dalla metà di aprile 2014 al 30 maggio scorso, mentre i feriti accertati sono quasi 16 mila. Tra le vittime, almeno 626 donne e ragazze. Lo rivela in un comunicato l'Onu riportando gli ultimi dati presentati lunedì a Ginevra. "Si tratta di una stima prudente, e le cifre reali potrebbero essere considerevolmente più elevate", ha precisato l'agenzia, pur riconoscendo che i combattimenti e i bombardamenti sono relativamente diminuiti con i secondi accordi di pace di Minsk, risalenti al febbraio scorso.

E' di cinque milioni la stima dei civili che soffrono le conseguenze delle ostilità: non solo il milione e 200mila sfollati, ma anche coloro che sono esposti ad abusi, violenze e in generale a "tremende privazioni". Secondo lo stesso commissario Onu, il principe giordano Zeid bin Ra'ad al-Hussein, "Esistono allarmanti informazioni documentate sulle esecuzioni sommarie da parte dei gruppi armati", perifrasi per alludere ai ribelli separatisti filo-russi. Verifiche sono inoltre in corso su "testimonianze analoghe" che chiamano invece in causa le forze regolari di Kiev.

Da entrambe le parti si ha notizie di "torture e maltrattamenti in detenzione", con l'aggiunta di "omicidi, arresti arbitrari, lavori forzati, saccheggi, richieste di riscatto ed estorsioni" imputati in particolare agli insorti. Ancora: "Case e intere esistenze distrutte", economia collassata con disoccupazione e prezzi in vertiginosa ascesa, "servizi vitali tagliati" e "molte fonti di reddito prosciugate", per non parlare dell'inesistenza di "segnali di giustizia o della volontà di chiamare a rispondere i responsabili", e neppure "risarcimenti ne' indennizzi".

Il principe Zeid ha quindi puntato il dito contro il sistema di permessi obbligatori istituito dalle autorità centrali ucraine per chi voglia abbandonare le regioni russofone orientali ed entrare in quelle tuttora sotto il loro controllo: per ottenerli si è esposti a "pratiche di corruzione e a ritardi anche di tre mesi", tanto è vero che su 350.000 richiedenti, finora soltanto a 275.000 sono stati concessi.

Sul piano strettamente bellico, si sottolinea nella relazione, "se alcune aree come Lugansk sono rimaste abbastanza tranquille", altrove la situazione resta di assoluta emergenza: è il caso di Donetsk, principale roccaforte separatista, e del circondario di Shyrokyne, villaggio conteso situato lungo lo strategico corridoio costiero che conduce al porto di Mariupol, ancora in mano ai governativi. Anche dove non si registrano scontri, molti civili sono vittime di mine o di ordigni inesplosi.

Infine, il punto maggiormente dolente: la presenza dei "combattenti stranieri" e il "flusso di armi dalla Federazione Russa" che, malgrado le incessanti smentite di Mosca, persistono e che se avessero invece fine "produrrebbero un impatto significativo sul rispetto della legge e dell'ordine, e sull'applicazione degli accordi di Minsk".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma