VENERDÌ 24 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

OGGI LA COMMEMORAZIONE DELLA STRAGE DEGLI ARMENI

Il premier turco Ahmet Davutoglu: "Condividiamo il dolore dei familiari delle vittime, ma non chiamatelo genocidio"

MILENA CASTIGLI
OGGI LA COMMEMORAZIONE DELLA STRAGE DEGLI ARMENI
OGGI LA COMMEMORAZIONE DELLA STRAGE DEGLI ARMENI
Cento anni fa si perpetrava il primo genocidio del XX secolo: lo sterminio di quasi 2 milioni di armeni da parte dei turchi ottomani. Nelle deportazioni di massa – denominate realisticamente “marce della morte” e che coinvolsero circa 1.200.000 persone - centinaia di migliaia morirono per fame, malattia o sfinimento. Altre migliaia furono massacrate nelle loro case dalla milizia curda e dall'esercito turco, come testimoniato dalle fotografie di Armin T. Wegner, il militare e attivista tedesco che documentò il massacro – che lui chiamò Martyrium - disobbedendo agli ordini dei suoi superiori. Questi ultimi avevano infatti imposto il silenzio alle truppe poichè la Germania e la Turchia erano alleati.

Ancora oggi, a cento anni di distanza, la ferita non sembra essersi rimarginata. Il governo turco, infatti, si ostina a non riconoscere il genocidio, ammettendo al più che si sia trattato di “eccidio”. “Ridurre tutto a una sola parola e addossare ogni responsabilità alla sola Turchia è una cosa problematica, sia dal punto di vista legale che etico” ha commentato il primo ministro turco Ahmet Davutoglu, alla presentazione di un evento storico, ma probabilmente non risolutivo, quale quello della prima cerimonia commemorativa in onore delle vittime armene, celebrato oggi a Istambul. Davutoglu ha anche riconosciuto l'esistenza delle deportazioni: "Noi ricordiamo con rispetto, ancora una volta, e condividiamo il dolore dei figli e nipoti degli armeni ottomani che hanno perso la vita nelle deportazioni del 1915". Ciononostante, la Turchia ha sempre rifiutato l'uso del termine genocidio poiché continua ad affermare che si sia trattato solo di una guerra civile con perdite in entrambi gli schieramenti.

Il 17 novembre del 2000 la Camera dei deputati italiana ha votato una risoluzione che riconosce il genocidio armeno e invita la Turchia a non continuare sulla strada del negazionismo, soprattutto in vista di un possibile ingresso turco nella Comunità europea. Eppure, gli attuali equilibri geopolitici hanno imposto prudenza ad alcuni schieramenti. Per il Partito Democratico, infatti, “non è opportuno” parlare di genocidio. Durante la commemorazione della strage tenutasi solennemente giovedì nell’Aula della Camera, la rappresentante Pd Flavia Piccoli la parola “genocidio” non l’ha mai pronunciata, suscitando le lamentele dell’ambasciatore armeno Sargis Ghazaryan che, dalla tribuna del corpo diplomatico, non poteva non notare il pesante omissis. A cento anni di distanza, il percorso per un riconoscimento univoco delle atrocità subite dal popolo armeno sembra ancora lontano, anche in Italia. Montecitorio oggi ricorderà l'evento.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"