“NON MI PIACE”: ZUCKERBERG ANNUNCIA L’ARRIVO DEL NUOVO PULSANTE DI FACEBOOK

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:00

Il “Mi piace” di Facebook si è guadagnato una posizione di ruolo nella vita dei milioni di utenti di Facebook ed è diventato un modo comune per esprimere il proprio apprezzamento a fotografie, post, commenti, documenti, articoli…. e chi più ne ha, più ne metta. Ma questo è solo un aspetto dei tanti fruitori della piattaforma social. Esiste anche un’altra ala, quella che vorrebbe bocciare – sempre con un click – i contenuti che vengono condivisi su Facebook. Sono in molti infatti, che sin dal 2009, chiedevano che venisse aggiunto il tasto “non mi piace”, ossia il pulsante con il pollice verso.

Dopo essere stato subissato dalla miriade di richieste, il fondatore di Facebook ha annunciato che il pulsante richiesto dalla maggioranza degli utenti, ma sempre negato dal social non solo è già in fase di progettazione, ma sta per essere testato. Infatti come ha spiegato lo stesso Mark Zuckerberg aggiungere il “non mi piace” non è un’operazione complicata, ma gli esperti sono al lavoro per impedire che questo serva per esprimere un parere negativo.

A quanto sembra, infatti, sarà possibile cliccare il pollice verso solo in alcuni tipi di post, come ad esempio la fine di una relazione sentimentale di un nostro amico o quando si verrebbe a trovare sotto un articolo che parla di incidenti. Insomma il pulsante “non mi piace” servirà soprattutto per esprimere empatia e non per bocciare i post dei nostri amici. Tutto ciò perché l’idea di base è non trasformare Facebook in un “forum dove le persone votano ‘mi piace’ o ‘non mi piace’ ai post degli amici – ha spiegato Zuckerberg – non è il tipo di comunità che vogliamo creare: non vogliamo che il processo di condivisione di qualche momento per voi importante nella vostra giornata debba passare attraverso i non mi piace degli altri”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.