MERCOLEDÌ 01 LUGLIO 2015, 005:15, IN TERRIS

NEPAL: PER FAR RIPARTIRE IL PAESE LA BANCA MONDIALE HA STANZIATO 300 MILIONI DI DOLLARI

Il tremendo terremoto ha messo in ginocchio il Paese e con l'arrivo dei monsoni è più urgente il sostegno

AUTORE OSPITE
NEPAL: PER FAR RIPARTIRE IL PAESE LA BANCA MONDIALE HA STANZIATO 300 MILIONI DI DOLLARI
NEPAL: PER FAR RIPARTIRE IL PAESE LA BANCA MONDIALE HA STANZIATO 300 MILIONI DI DOLLARI
Dopo due mesi sono praticamente definitive le terribili cifre del terremoto che ha devastato il Nepal e ha colpito i Paesi limitrofi: 8.700 morti, oltre 20.000 feriti, 8 milioni le persone colpite, oltre 2,8 milioni le persone che richiedono assistenza umanitaria, 500.000 le case crollate. Il ricovero rimane il bisogno essenziale e prioritario, dato che l’arrivo dei monsoni rende ancora più urgente la necessità di ripari d’urgenza adeguati.

Per sostenere la popolazione la Banca mondiale ha approvato lo stanziamento di due prestiti, per un totale di 300 milioni di dollari per la ricostruzione post-sisma delle aree rurali. Le tranche di denaro, approvate dal Consiglio di amministrazione dell’istituto, serviranno inoltre a fornire un’iniezione di liquidità al bilancio del governo, per aiutare il Paese a rimettersi in piedi. I fondi, si legge in un comunicato, fanno parte di un pacchetto da mezzo miliardo di dollari promessi la scorsa settimana dalla Banca mondiale nella Conferenza dei donatori di Kathmandu.

Ma sono molte altre le iniziative di beneficenza che si sono attivate per sostenere il Paese: ad esempio Caritas Nepal, impegnata sin da subito nel soccorso e nell’assistenza alla popolazione, ha raggiunto sino ad ora oltre 196.000 persone con interventi per oltre 10 milioni di euro. A causa della straordinaria gravità di questo sisma, dopo lo stanziamento di tre milioni di euro dai fondi dell’otto per mille disposto dalla Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana subito dopo il sisma, la stessa CEI a nome dei Vescovi italiani, ha indetto una colletta nazionale, che si è svolta in tutte le chiese italiane domenica 17 maggio 2015, come segno della concreta solidarietà di tutti i credenti.
Anche l’Arcidiocesi di Agrigento per tramite della Caritas diocesana ha partecipato alla colletta e sono stati raccolti dalle parrocchie della diocesi che hanno risposto all’appello € 17.084,29 a cui è stata aggiunta un’integrazione della Caritas diocesana per arrivare alla somma complessiva di € 20.000,00
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"
DIRITTO DI REPLICA

Annullato l'arresto per il sindaco Caliandro

Il primo cittadino di Villa Castelli era stato coivolto in un'inchiesta su presunte tangenti