MARTEDÌ 28 LUGLIO 2015, 003:30, IN TERRIS

NEPAL, OXFAM DENUNCIA ABUSI E VIOLENZE SULLE DONNE NEL POST TERREMOTO

La promiscuità nei rifugi temporanei e la mancanza di aiuti alle ragazze sole sono i problemi principali

MILENA CASTIGLI
NEPAL, OXFAM DENUNCIA ABUSI E VIOLENZE SULLE DONNE NEL POST TERREMOTO
NEPAL, OXFAM DENUNCIA ABUSI E VIOLENZE SULLE DONNE NEL POST TERREMOTO
A tre mesi dal terribile terremoto che ha messo in ginocchio il Nepal, crescono i timori per la sicurezza delle donne nel Paese. Lo denuncia un’indagine condotta da Oxfam - una delle più importanti confederazioni internazionali del mondo specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo - effettuata nel distretto di Dhading, nella parte centrale del Paese, secondo la quale sono sempre di più le donne e le adolescenti che hanno paura di subire abusi fisici e sessuali per la mancanza di privacy e sicurezza.

Moltissime sono infatti costrette a vivere in rifugi temporanei sovraffollati, dove spesso gli accolti sono costretti in una condizione di promiscuità. Le toilette comuni e le aree prive di luce elettrica sono considerate i posti più insicuri. Inoltre, nei distretti più colpiti, molte famiglie sono ancora costrette a vivere all’aperto sotto teloni o in strutture fatte di lamiera. Si calcola infatti che il terremoto abbia provocato la distruzione di 507 mila case e il danneggiamento di altre 282 mila.

A questo quadro già di per sé drammatico, si aggiungono inoltre le difficoltà di accesso a servizi sanitari e acqua potabile che stanno incrementando i rischi per la salute, soprattutto per le ragazze incinta. Una situazione che si fa sempre più preoccupante per le donne rimaste sole, spesso vedove o divorziate che, non avendo più alcun legame all’interno delle proprie comunità, non riescono da sole a ricostruirsi dei rifugi permanenti e soprattutto indipendenti. Si stima che ci siano 318.000 famiglie guidate da donne sole nei 13 distretti maggiormente colpiti del Nepal.

“Questa situazione rischia di aggravare il trauma che ha subito la popolazione nepalese con le due terrificanti scosse di terremoto che hanno sconvolto il paese - afferma Riccardo Sansone, responsabile per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia - Le donne in Nepal hanno sempre più paura di rimanere vittime di abusi fisici rimanendo all’interno dei rifugi temporanei. La loro sicurezza deve essere una priorità per il governo e le associazioni umanitarie”.

Per questo motivo Oxfam ha organizzato 21 focus group nei distretti di Dhading e Gorkha, che hanno coinvolto quasi 600 donne, per garantire che i loro bisogni siano ascoltati e posti al centro della risposta umanitaria post-terremoto. Ha distribuito inoltre kit igienici per il gentil sesso, installato toilette femminili e realizzato trasmissioni radiofoniche per dare consigli sull’igiene personale ed evitare così il rischio di diffusione di malattie. Con il supporto di Oxfam si stanno inoltre costruendo centri in otto villaggi situati in tre diversi distretti, per dare supporto psicologico e assistenza legale. Stanno inoltre distribuendo materiale medico e altri servizi essenziali, aiutando così le donne ad accedere ai servizi di cash-for-work e ai programmi per la ripresa e la ricostruzione.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015