GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2017, 11:38, IN TERRIS

Nel 2016 +1,1 gradi dal XIX secolo; ma in Italia aumenterà fino a +3

Lo rivela la Nasa; nel 2015 era stata già raggiunta la soglia di 1 grado in più rispetto all'era preindustriale

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Nel 2016 +1,1 gradi dal XIX secolo; ma in Italia aumenterà fino a +3
Nel 2016 +1,1 gradi dal XIX secolo; ma in Italia aumenterà fino a +3
L'emergenza surriscaldamento globale non si arresta. Lo rivela la Nasa (Ente Nazionale per le attività Spaziali e Aeronautiche) l'agenzia governativa civile responsabile del programma spaziale degli Stati Uniti d'America e della ricerca aerospaziale.

Secondo l'Ente statunitense, infatti, nel 2016 la temperatura globale si è attestata a 1,1 gradi centigradi in più rispetto al XIX secolo, vale a dire rispetto ai livelli preindustriali (il periodo iniziato a partire dal Settecento in Gran Bretagna e diffusosi nell'800 in buona parte del mondo). Nel 2015, evidenzia la Nasa, era già stata raggiunta la soglia di 1 grado.

Un colpo pesante per la comunità internazionale che, alla conferenza Onu di Parigi sul clima svoltasi nel dicembre 2015, si era impegnata a mantenere l'aumento del termometro al di sotto dei 2 gradi centigradi, e possibilmente entro un grado e mezzo, entro la fine del secolo. Ma, a inizio secolo, siamo già a oltre un grado.

Le brutte notizie non finiscono qui. Se dal globale passiamo al locale, di questo passo l'Italia risentirà (entro il 2100) di un aumento di temperatura ben al di sopra dei due gradi preventivati.

Lo rivela il Wwf (World Wide Fund for Nature), l'organizzazione internazionale non governativa di protezione ambientale più nota al mondo. Secondo l'Ong, i cambiamenti climatici in Italia saranno a dir poco "preoccupanti". Le migliori e più avanzate elaborazioni dell'autorevole Centro Euromediteraneo per i Cambiamenti Climatici (Cmcc)", indicano - nello scenario ritenuto più probabile - "un incremento della temperatura media in Italia pari a circa 3 gradi per la fine del secolo per l'intero territorio nazionale".

"Se si considera l'ultimo trentennio del XXI secolo (2071-2100) - scrive in un comunicato la ong ambientalista - l'aumento di temperatura giunge anche a circa 4 gradi nel nord-ovest della penisola italiana nel periodo estivo". Nello scenario peggiore, inoltre, "l'aumento della temperatura media in Italia sarà invece di circa 6 gradi entro la fine del secolo". "L'urgenza dell'azione anche nel nostro Paese è ormai è un obbligo civile e morale", conclude il World Wide Fund for Nature.

Emergenza caldo evidenziata anche dalla Coldiretti (Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti), la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell'agricoltura italiana. Il 2016 - evidenzia la confederazione sorta nel '44 - si è classificato al quarto posto tra gli anni più caldi di sempre, con una temperatura di 1,24 gradi superiore alla media del periodo. Per il calcolo, la Coldiretti si è basata sui dati del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) che rilevano le temperature dal 1800. Nella classifica degli anni più caldi dall'inizio dell'industrializzazione - e perciò dell'inquinamento atmosferico su larga scala - ci sono, nell'ordine, 2015, 2014, 2003 e 2016. Seguono il triste elenco: il 2007, 2012, 2001, 1994, 2009, 2011 e, infine, il 2000.

"Siamo di fronte agli effetti dei cambiamenti climatici - scrive Coldiretti - che si stanno manifestano con un pesante impatto sull'agricoltura italiana, che negli ultimi dieci anni ha subito danni per 14 miliardi di euro. Si moltiplicano gli eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi, ma intense, e il repentino passaggio dal sereno al maltempo". "Siccità e bombe d'acqua con forti piogge a carattere alluvionale, ma anche gelate estreme e picchi di calore anomali si alternano lungo l'anno e lungo tutta la Penisola". "Anomalie che si evidenziano anche in questi giorni - conclude Coldiretti - con l'Italia divisa in due, tra un nord dove è allarme incendi e siccità ed il centro sud che è seppellito dalla neve".
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ISTRUZIONE

A rischio il ritorno dell'educazione civica a scuola

La legge non è ancora in Gazzetta ufficiale. La soluzione in extremis, pubblicarla e farla valere dalla riapertura...
Mario Balotelli durante la presentazione
SERIE A

La grande chance per Balotelli

La familiarità dell'ambiente di Brescia e il sogno Azzurro: un'opportunità per il rilancio definitivo
La nave militare Audaz messa a disposizione del Governo spagnolo
MAR MEDITERRANEO

Open Arms, la nave militare spagnola in soccorso dei migranti

La decisione presa dopo che alcuni profughi si sono buttati in acqua
MIGRANTI

Barca capovolta davanti la Libia, forse 100 vittime

La segnalazione è stata lanciata da Alarm Phone
Via del Colosseo a Roma
CENTRO STORICO

Affittopoli, la fake dei rincari: casa al Colosseo a 133 euro

Castiglione: "Vogliamo restituire queste risorse alla comunità"
ESECUTIVO IN CRISI

Governo, il giorno della verità

L'intervento di Conte e le mosse politiche
Proteste a Hong Kong
WEB

Hong Kong, rimossi account fake contro la protesta

Twitter e Facebook bannano gruppi e pagine che sarebbero stati creati dalla Cina per screditare i manifestanti
Euro

Polvere negli occhi

Ogni volta che sento parlare di tagli alle spese pubbliche per partiti politici, o del taglio di parlamentari, solo per...