LUNEDÌ 11 MAGGIO 2015, 16:30, IN TERRIS

MPV: CONTRO L'ABBANDONO DI NEONATI, CULLE PER LA VITA IN TUTTA ITALIA

La struttura garantisce l’anonimato ai genitori e permette di salvaguardare la salute e la vita del bambino

MILENA CASTIGLI
MPV: CONTRO L'ABBANDONO DI NEONATI, CULLE PER LA VITA IN TUTTA ITALIA
MPV: CONTRO L'ABBANDONO DI NEONATI, CULLE PER LA VITA IN TUTTA ITALIA
“Il ritrovamento di due neonati, una nel napoletano vicino a un cassonetto, per fortuna ancora viva, e uno in provincia di La Spezia, morto dopo essere stato abbandonato in uno scantinato, ripropone l‘urgenza di promuovere nel nostro Paese il parto in anonimato e l‘uso delle culle per la vita”: lo afferma Gian Luigi Gigli, presidente del Movimento per la vita (Mpv). “Il Movimento, che ha già scritto in tal senso al ministro per la Salute in occasione di altri recenti casi, si farà carico di una proposta di legge finalizzata all‘istituzione e valorizzazione delle culle per la vita nei pressi di tutti gli ospedali più importanti”, aggiunge il presidente di Mpv. “Nel dibattito in corso in Parlamento sul diritto a conoscere la propria identità biologica, occorre inoltre che il diritto del bambino sia sempre anteposto ad altre considerazioni, distinguendo il caso dell‘adottato o del nato da eterologa, in cui potrà prevalere il diritto alla conoscenza dell‘identità biologica, da quello del bambino a rischio di aborto o infanticidio - conclude Gigli - per il quale deve prevalere il diritto alla vita”.

In Italia sono frequenti i casi di abbandono di minore. Pochi giorni fa, il 6 aprile, un bambino di soli cinque giorni è stato ritrovato in un sacchetto di plastica in un campo a Cormano, comune a nord di Milano. Il 4 aprile invece un altro neonato era stato abbandonato a Giarre, nel Catanese: in questo caso però il piccolo era stato affidato alla ‘Culla per la vita’. La struttura - che garantisce un completo anonimato ai genitori che vogliono abbandonare il figlio - permette al contempo di salvaguardare la salute e la vita del minore. I drammi che spesso si verificano quando i bambini vengono lasciati nei luoghi più disparati – dai cassonetti agli scantinati - si potrebbero evitare semplicemente ponendoli dentro le Culle per la vita o affidandosi alle strutture ospedaliere che, come prevede la legge, consentono alle madri di non riconoscere i propri figli.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"
Incendio alla Grenfell Tower di Londra
INCENDIO ALLA GRENFELL TOWER

Al via inchiesta a 6 mesi dalla strage

Il 14 giugno, 71 persone sono morte nel rogo divampato nell'edificio popolare di 24 piani
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e delle Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Minore sul web
PEDOPORNOGRAFIA

Il 53% delle vittime ha 10 anni o meno

L'allarme è contenuto nell'ultimo rapporto dell'Unicef su web e minori