LUNEDÌ 03 APRILE 2017, 000:05, IN TERRIS

Milano, alla Polizia Municipale una Ferrari sequestrata alla mafia

LAURA BOAZZELLI
Milano, alla Polizia Municipale una Ferrari sequestrata alla mafia
Milano, alla Polizia Municipale una Ferrari sequestrata alla mafia
Tra i tanti oggetti sequestrati alla mafia c’è anche una Ferrari 458 Spider, di recente assegnata alla Polizia locale di Milano per "progetti di educazione alla legalità". Il bolide è stato confiscata nel settembre del 2015 ed è arrivato al corpo dei vigili urbani grazie alle leggi antimafia, che stabiliscono la confisca di beni mobili sequestrati e il loro affido da parte del Tribunale in custodia giudiziale agli organi di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco che ne facciano richiesta. ”Ora la Ferrari è pronta a diventare un simbolo di legalità e a mettersi al servizio della comunità - ha commentato il comandante Antonio Barbato -. È stata assegnata al nostro corpo per progetti di educazione ai giovani. Nel corso dell’anno i ’ghisa’ milanesi incontrano oltre 55 mila ragazzi, per progetti di educazione stradale e civica. In alcuni eventi particolari questa auto sarà utilizzata per far capire loro che il crimine non paga, che lo Stato si riprende i beni di chi li ha ottenuti con attività criminali”.

La revisione del mezzo


La revisione dell’auto è stata fatta dalla stessa casa automobilistica, mentre la Carrozzeria Marazzi di Caronno Pertusella (Varese), a titolo gratuito, ha preparato il veicolo con i colori e le dotazioni d’obbligo, rendendolo a tutti gli effetti un’auto della Polizia locale, che in base alle stesse norme sull’assegnazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata, ha in dotazione oltre anche altre 29 autovetture e 3 motociclette. Ad oggi, il patrimonio di beni confiscati e trasferiti al Comune di Milano ammonta a 172 unità immobiliari: 163 sono state già assegnate, 9 saranno presto acquisite. Tra queste anche Casa Chiaravalle, una grande struttura che da settembre sarà utilizzata per offrire assistenza alle persone in difficoltà.

Alla Polizia di Stato una Lamborghini


Un nuova Huracán LP610-4 è stata consegnata dalla Lamborghini alla Polizia di Stato. La collaborazione della casa automobilistica con la polizia va avanti dal 2004. Sono cinque le auto donate finora; l'ultima è per l'appunto la Huracán LP610-4 che entrerà in servizio entro l'anno e che sostituisce una delle due Gallardo regalate nel 2008. La Huracán è spinta da un V10 aspirato da 5.2 litri e 610 Cv . Il bolide può superare i 325 Km/h e può scattare da 0 a 100 km/h in 3,2 secondi, grazie anche alla trazione integrale. Con una videocamera installata vicino allo specchietto retrovisore e un computer collocato dietro ai sedili può rilevare la velocità istantanea di altri veicoli, trasmettendo le immagini in tempo reale alla banca dati della Polizia.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"