MILANO: A FERRAGOSTO 100 FAMIGLIE OSPITERANNO PROFUGHI A TAVOLA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:15

“Aggiungi un profugo a tavola al pranzo di ferragosto”. È questa l’iniziativa accolta per oggi dal capoluogo lombardo, lanciata dall’Osservatorio di Milano e dalla Caritas per ospitare famiglie di profughi o mamme con bambini. Ad aderire sono state 100 famiglie. “Il cuore dei milanesi non aspetta il Natale per farsi grande, lo diventerà già a Ferragosto, quando nel giorno centrale dell’estate i cittadini apriranno la loro casa, per il pranzo, ai profughi venuti dal mare, vincendo la paura con l’amore e la solidarietà”, ha dichiarato Massimo Todisco, presidente dell’Osservatorio di Milano.

Le famiglie che hanno telefonato da tutta la provincia, hanno chiesto nella maggior parte dei casi non singoli profughi, ma famiglie o mamme con bambini, vedove o donne con il marito dispero. “Non vogliono separare i nuclei familiari – aggiunge Todisco – e si preoccupano di loro, al punto tale che chiedono se sono musulmani, per un menù senza carne, e l’età dei bambini, per fare loro un regalo appropriato”.

Dall’altra parte, ad accettare l’invito sono principalmente famiglie siriane, eritree e somale, ma c’è anche chi viene dal Mali, dalla Costa d’Avorio o dal Senegal. Tutte le famiglie che hanno aderito all’iniziativa scriveranno poi una testimonianza del loro incontro, arricchendola di particolari, dopo aver chiesto ai profughi da dove vengono, dove hanno trovato il denaro per farsi traghettare, cosa si lasciano alle spalle, com’è andato il viaggio, quali sono le loro speranze. I racconti, l’Osservatorio li raccoglierà in un libro, che sarò donato al Cardinale Scola e a Papa Francesco. “L’iniziativa, unica in Italia – ha proseguito Todisco – si va evidenziando come un vero e proprio successo, grazie all’apporto della Caritas Ambrosiana”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.