Migranti, truffa da 9 milioni, un arresto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:08

L’amministratore unico di una società addetta all’accoglienza dei migranti è stato arrestato dalla Polizia con l’accusa di truffa aggravata per il conseguimento di finanziamenti pubblici.

L’uomo è indagato insieme ad altre due persone per turbata libertà degli incanti, in relazione a una procedura aperta per servizi di accoglienza nel potentino dal 1 marzo scorso al prossimo 31 dicembre, del valore di circa 9 milioni di euro. In corso il sequestro di parte delle quote della società e perquisizioni personali e domiciliari.

Secondo le accuse avrebbe falsificato i registri delle presenze delle persone straniere ospitate in una struttura del capoluogo lucano, comunicando la presenza di più migranti rispetto a quelli realmente ospitati nel centro di accoglienza

Lo stesso imprenditore è inoltre indagato insieme ad altre due persone – rappresentanti di due società, una con sede a Potenza e l’altra a Bitetto (Bari), sempre impegnate nell’accoglienza dei migranti – per il reato di turbata libertà degli incanti riferito alla procedura da circa nove milioni di euro per ospitare in Basilicata circa 900 migranti dallo scorso 1 marzo al prossimo 31 dicembre.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.