MARTEDÌ 21 APRILE 2015, 10:30, IN TERRIS

MIGRANTI: “FERMARE LA STRAGE SUBITO!” AL VIA LA GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE

La Cgil parteciperà al sit-in davanti Montecitorio previsto alle 14:30

AUTORE OSPITE
MIGRANTI: “FERMARE LA STRAGE SUBITO!” AL VIA LA GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE
MIGRANTI: “FERMARE LA STRAGE SUBITO!” AL VIA LA GIORNATA DI MOBILITAZIONE NAZIONALE
In una settimana sono stati più di mille i morti in mare, tragedie preannunciate e per le quali non si è fatto abbastanza. Per questo motivo oggi in tutta Italia si svolgerà la giornata di mobilitazione nazionale per chiedere di fermare la strage nel Mediterraneo. All'indomani del naufragio che ha provocato la morte di 700 persone, associazioni, organizzazioni sindacali e Ong si uniscono in una sola voce per sollecitare un intervento urgente del governo e delle istituzioni europee.

Il fenomeno dei migranti è drasticamente aumentato nell'ultimo anno, in particolare a causa dei conflitti sempre più feroci nel Medio Oriente. Guerra che costringono milioni di persone a fuggire dalle proprie terre nella speranza di trovare una seconda possibilità di vita. Quello che in tutta Italia si vuole chiedere, attraverso le numerose iniziative che coinvolgeranno il Paese, è di poter aprire vie d'accesso legali e canali umanitari che si sostituiscano ai "viaggi della morte" in barconi affollati.

"Le priorità sono le operazioni di soccorso e il tentativo di recuperare i naufraghi" ha dichiarato Giovanni Salvi, il procuratore di Catania durante una conferenza stampa nella quale si è fatto il punto sulle indagini avviate in seguito all'ennesimo naufragio nel Mediterraneo. "

"La raccolta delle informazioni, da parte del gruppo Sco della Polizia e della Squadra mobile di Catania, è iniziata sulla nave della Guardia costiera ferma a Malta - ha aggiunto il magistrato -. Sono 27 i sopravvissuti che saranno sentiti dalla polizia, oltre ad un cittadino bengalese ricoverato nell'ospedale catanese. Le prime dichiarazioni dei superstiti sono al vaglio degli inquirenti. Le informazioni più significative riguardano le modalità del viaggio: i migranti erano stipati nel peschereccio di 13 metri diviso in tre livelli. Alcune centinaia di migranti erano nella stiva, dove sono stati chiusi. Un altro centinaio al secondo livello e in coperta e nella parte superiore gli altri migranti".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Brexit (repertorio)
BREXIT

Ok del Consiglio alla "fase due"

May: "Passo importante". I leader Ue: "Ora inizia il difficile"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana