Meteo, gennaio da brivido: il vento gelido dell’Artico avvolgerà l’Italia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:02

Ci siamo quasi, fra pochi giorni assisteremo ai primi freddi della stagione invernale. Il tutto grazie alla spinta dell’anticiclone delle Azzorre verso nord con radice ben salda sull’Atlantico orientale, che favorirà la discesa di un nocciolo di aria fredda di origine artico-marittima. Dal lunedì dell’Immacolata l’aria gelida si estenderà a tutto il Nord del Paese fin verso Toscana, Umbria e Marche. Contemporaneamente avverrà la formazione di un minimo di bassa pressione sul Tirreno che scenderà verso sud-est favorendo precipitazioni su buona parte del Nord-Est, l’Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio.

Per quanto riguarda la neve, i fiocchi bianchi scenderanno fino a quote basse su Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche e Toscana. Tuttavia sulla Romagna la dama bianca potrebbe fare la sua comparsa verso le basse quote. Fra Lazio, Abruzzo, Umbria, Molise e Campania la neve cadrà oltre i 1000 metri di quota, ma in caso di fenomeni intensi la quota neve potrebbe scendere in maniera repentina seppur per pochi attimi. Ma la buona notizia è che il maltempo sarà rapido, già da mercoledì su gran parte del Centro-Nord tornerà a splendere il sole, tuttavia il freddo persisterà per buona parte della settimana.

E’ a gennaio 2015, però, che le previsioni meteo prevedono un netto crollo delle temperature che in diverse regioni del Nord Italia arriveranno a sfiorare la drastica temperatura di -18 gradi. Anche nel Sud Italia non saranno esenti da questa ondata di gelo polare che colpirà il Belpaese durante la stagione invernale: le ultime previsioni di queste ore degli esperti rivelano che tra gennaio e febbraio 2015 sono previste ampie nevicate sia a Roma che a Napoli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.