VENERDÌ 07 APRILE 2017, 12:16, IN TERRIS

Mattiniero o nottambulo? Chi fatica ad addormentarsi potrebbe avere il "gene dei gufi"

Dalla consultazione dei database è emerso che la mutazione è piuttosto frequente: una persona su 75 ne è portatrice

AUTORE OSPITE
Mattiniero o nottambulo? Chi fatica ad addormentarsi potrebbe avere il
Mattiniero o nottambulo? Chi fatica ad addormentarsi potrebbe avere il "gene dei gufi"
Non si tratta di una malattia rara o contagiosa, ma di un difetto genetico (mutazione) a carico del gene "CRY1". Prediligere la vita "notturna" e voler dormire fino a mezzogiorno, potrebbe non essere solo una questione di pigrizia ma un fattore ereditario. E' quanto viene evidenziato nella ricerca della Rockfeller University e pubblicata sulla rivista Cell.

Il "gene dei gufi"


La difficoltà di alzarsi presto la mattina e la propensione a vivere maggiormente la notte potrebbe dipendere da quello che gli scienziati statunitensi è stato simpaticamente ribattezzato "il gene del gufo", ma che in realtà è definito "disturbo della fase del sonno ritardato". I portatori della mutazione del gene "CRY1", infatti, hanno i ritmi di sonno e veglia alterati di circa 2 ore rispetto ai non portatori.

La ricerca


Gli esperti hanno osservato un gruppo di volontari rimasti "chiusi" per due settimane in appartamenti-laboratorio in cui nessuno aveva accesso a informazioni sull'ora del giorno o della notte, per cui tutti si trovavano ad affrontare le 24 ore, compresa la cadenza dei pasti, seguendo semplicemente i propri ritmi naturali. Dallo studio è emerso che, quasi tutti i volontari mantenevano cicli sonno-veglia e orari dei pasti piuttosto normali, tranne una persona cui era stato precedentemente diagnosticato il disturbo di fase del sonno ritardato, che tendeva ad addormentarsi e svegliarsi tardi. Analizzando il suo DNA i ricercatori hanno trovato la mutazione a carico del gene "CRY1", già noto per la sua influenza sui ritmi sonno/veglia dell'organismo. Dalla consultazione dei database è emerso che la mutazione è piuttosto frequente: una persona su 75 ne è portatrice.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"