GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2015, 000:15, IN TERRIS

Mamme, lavoro e bambini in ufficio

AUTORE OSPITE
Mamme, lavoro e bambini in ufficio
Mamme, lavoro e bambini in ufficio
ocminPer rilanciare i consumi e la crescita del Paese diventano sempre più urgenti politiche economiche e fiscali improntate alla ripresa dell’occupazione e al rafforzamento dei redditi di lavoratori e pensionati. Così come servono adeguate politiche familiari e di welfare, aziendale e territoriale, che consentano un innalzamento del tasso di occupazione femminile e sostengano le scelte di maternità che hanno ancora un impatto negativo sulla partecipazione e sulla permanenza delle donne nel mercato del lavoro.

Sostenere la conciliazione tra lavoro e famiglia, dunque, resa ancor più necessaria dal momento di crisi che stiamo attraversando e che ha acuito ulteriormente le criticità che si frappongono tra le donne e il mondo del lavoro, significa garantire davvero le pari opportunità, che non sono poi una questione solo “femminile” ma un beneficio per tutti, lavoratori e aziende. Sono quasi 2 milioni e mezzo tra l’altro i nuclei familiari – come evidenzia l’Istat nel suo nuovo Rapporto annuale – che si sostengono solo grazie al lavoro delle donne, il 12,9% del totale, un fenomeno appunto che le politiche di conciliazione non possono più trascurare.

Come donne della Cisl, il nostro compito è quello di favorire e tutelare l’occupazione femminile principalmente attraverso la contrattazione di secondo livello che rappresenta una frontiera innovativa e congeniale perché attraverso di essa è possibile trasformare in proposte concrete quella cultura dei servizi che è parte integrante del sostegno alle donne. Dal Rapporto Cisl e Ocsel sulla contrattazione di secondo livello, pubblicato in questi giorni, emergono tendenze molto interessanti proprio in materia di innovazione organizzativa e di welfare che si sviluppa nella sua dimensione aziendale salendo dal 53% del 2013 al 69% del 2014.

Di conciliazione vita-lavoro si è discusso anche nel recente incontro del Coordinamento Nazionale Donne nell’ambito dei gruppi di lavoro avviati sul tema che stanno raccogliendo e analizzando diverse proposte di soluzione da parte delle singole strutture territoriali. E’ necessario quindi sostenere e adottare nuovi modelli organizzativi e gestionali dove la centralità del tempo e la sua flessibilità diventano condizioni fondamentali per la partecipazione e la crescita professionale delle donne. Il “tetto di cristallo”, afferma sempre l’Istat, impedisce ancora oggi alle donne l'accesso alle posizioni di vertice nelle aziende; il 2014 non ha portato nessun cambio di passo nella parità di genere nelle carriere manageriali.

Vita e lavoro non vanno visti e non sono mondi tra loro in contrapposizione ma complementari ed è questo il concetto che ha avviato e tuttora sorregge quel processo di cambiamento non solo nei sistemi di contrattazione di primo e secondo livello ma anche culturale che deve accompagnare la nostra azione per migliorare il mercato del lavoro e l’intera società. Anche per questo la Cisl ha aderito nuovamente quest’anno alla ”Festa dei bimbi in ufficio con mamma e papà.

Un’iniziativa simbolica che vuole rappresentare il lavoro, per l’appunto, non in contrasto con la vita familiare e la genitorialità, ma come valore sociale che attraverso politiche di flessibilità vuole favorire il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici, migliorandone la qualità di vita. Per la Cisl accogliere i “bimbi in ufficio” rappresenta un momento di condivisione del luogo di lavoro con i propri figli per far vedere e far capire loro che i genitori quando stanno fuori casa fanno cose importanti per loro, la famiglia e la società.

Andiamo, dunque, avanti su questa strada nella consapevolezza che la conciliazione e la condivisione delle responsabilità genitoriali restano alla base del principio di parità e pari opportunità sul lavoro, un traguardo decisivo per la qualità del lavoro, della vita di lavoratori e lavoratrici, del benessere delle imprese e in generale del sistema Paese.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Theresa May
BREXIT

May, schiaffo dai Comuni: il Parlamento avrà il veto

Governo sconfitto sull'emendamento chiave: l'accordo con Bruxelles passerà dall'approvazione parlamentare
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo