MARTEDÌ 05 MAGGIO 2015, 003:30, IN TERRIS

MAGGIORANZE VARIABILI: IL REGNO UNITO RISCHIA L'INGOVERNABILITA'

Nonostante secondo i sondaggi siano i Tories il primo partito nazionale, sembra che non riusciranno a attenere la maggioranza assoluta

AUTORE OSPITE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
MAGGIORANZE VARIABILI: IL REGNO UNITO RISCHIA L'INGOVERNABILITA'
MAGGIORANZE VARIABILI: IL REGNO UNITO RISCHIA L'INGOVERNABILITA'
Perde le sicurezze la Gran Bretagna: dopo anni di stabilità politica, il Regno Unito arriva alle elezioni del 7 maggio con poche certezze e previsioni di ingovernabilità: nella migliore delle ipotesi uscirà dalle urne una coalizione fragile e divisa, o addirittura un governo di minoranza. Secondo uno studio condotto da Nat Silver, i conservatori saranno il primo partito, ottenendo la maggioranza relativa ma non quella assoluta - che non potranno ottenere nemmeno alleandosi con altri partiti di centro o di destra - con 10-15 seggi più dei laburisti.

Viceversa il Labour, pur piazzandosi come secondo partito nazionale, dovrebbe essere in grado di superare la soglia della maggioranza assoluta, alleandosi con i centristi lib-dem, forse con i verdi e con il partito del Galles, e grazie all’appoggio esterno del partito indipendentista scozzese. In questo caso, tuttavia, i laburisti verrebbero accusati di essersi messi sotto scacco dalla Scozia su questioni come budget e armi nucleari.

Il quadro  che viene fuori lascia solo una certezza: l’instabilità. A nulla sembra sia servita la ripresa economica tra le più forti d’Europa, la bassa disoccupazione e i livelli record in borsa. Con queste premesse il governo di Cameron dovrebbe vincere a mani basse, ma non è così per due motivi: la ripresa ha premiato soprattutto i privilegiati, e molti posti di lavoro creati sono al minimo salariale, per cui la classe media e operaia non sono tornate agli standard di vita di prima della grande recessione. Per il Paese si avverte quindi un forte senso di ingiustizia sociale, acuita dai tagli alla spesa pubblica per ridurre il deficit, che hanno colpito in particolare la Nhs, il sistema di sanità pubblico nazionale.

L'altro fattore è la personalità del premier: educato a Eton e Oxford, proveniente da una famiglia dell'alta società, Cameron appare a molti come il simbolo del privilegio. Ed è stato anche accusato, dai suoi stessi sostenitori come il magnate dell'editoria Rupert Murdoch, di non avere dimostrato sufficiente passione, energia e carisma in campagna elettorale.

La vera star della campagna elettorale è stata Nicola Sturgeon, 44enne leader del partito scozzese, a cui viene pronosticato un risultato senza precedenti: potrebbe prendere 50 seggi sui 59 in gioco in Scozia e il merito in buona parte è stato anche suo, ha stravinto i dibattiti televisivi, ha portato una boccata di sincerità, novità e idee "davvero di sinistra" come non manca mai di ripetere.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Roma-Basaksehir 4-0. Nicolò Zaniolo esulta dopo aver siglato il tris giallorosso - Foto © Twitter
EUROPA LEAGUE

Roma sul velluto, Basaksehir affondato: 4-0

All'Olimpico apre un'autorete di Caiçara, poi Dzeko, Zaniolo e Kluivert. La Lazio cade a Cluj
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
L'ente pubblico che riscuote i tributi
ECONOMIA

Partito l'evasometro: monitora i conti correnti degli italiani

Vaglierà i movimenti e li metterà a confronto con la dichiarazione dei redditi. Strumento retroattivo fino a 5...
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
AMBIENTE

Primo stop del Conte II: forse slitta il decreto clima

Inizia il braccio di ferro con i renziani
Dispersione scolastica
RAPPORTO OXFAM

Cresce la dispersione scolastica

L'appello: "Il nuovo Governo investa nell’istruzione pubblica"
Italiani di seconda generazione
MIGRANTI

Istat: “I nuovi italiani sono oltre 1,3 milioni"

I bambini di seconda generazione costituiscono il 13% della popolazione minorenne
Emmanuel Macron e Giuseppe Conte
ITALIA - FRANCIA

Macron a Conte: "L'amicizia con l'Italia è indistruttibile"

Tra le intese confermate, quella sul dossier libico: "Convergenza franco-italiana"
Il giornalista Angelo Paoluzi

È scomparso Angelo Paoluzi, firma del giornalismo italiano

Direttore di Avvenire, è noto il suo impegno per un'informazione cattolica
Migranti
MIGRANTI

Nuovi sbarchi a Lampedusa, hotspot in emergenza

Un centinaio di persone arriva direttamente in porto, il centro è sovraffollato. Altre 109 a bordo di Ocean Viking
Il ministro dell'Ambiente Sergio Costa
GOVERNO CONTE BIS

Decreto legge ambiente: sconti per chi rottama auto fino Euro4

Misure contro il consumo di plastica e per una mobilità sostenibile. Dal 2020 taglio 10% dei sussidi dannosi
Scozzesi in abiti tradizionali sventolano la St. Andrew's Cross
L'ANNIVERSARIO

IndyRef, la Scozia a cinque anni dalla scelta pro-Uk

Dall'exploit post-voto dell'Snp allo scetticismo per il Ref2. Ma la Brexit è un'incognita che continua a...
OCSE

Crollano le richieste d'asilo in Italia: -58% nel 2018

Il dato nel rapporto annuale dell'Ocse "Migration Outlook". Lo scorso anno accolte oltre il 30% delle domande