GIOVEDÌ 09 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

L'ITALIA DELLE SCORCIATOIE

ANGELO PERFETTI
L'ITALIA DELLE SCORCIATOIE
L'ITALIA DELLE SCORCIATOIE
Cosa c’è di meglio, se vuoi fare un “colpo”, della totale invisibilità? E’ quello che deve aver pensato un solerte impiegato dell’Inps della Toscana, nascosto dall’anonimato d’ufficio. Un passacarte insomma, di quelli che si vedono nei film anni ’60, magari senza le maniche di camicia bianca con le sopramaniche nere (rese celebri dalle commedie di Sordi e Totò) ma pur sempre un moderno piccolo, invisibile ingranaggio del sistema. Capace però di spostare quasi un milione di euro in maniera giudicata truffaldina dai giudici della Corte dei Conti (sentenza 63/2015) dopo che gli uffici di controllo dello stesso Istituito nazionale di previdenza sociale si sono accorti del raggiro.

L’Italia delle scorciatoie, dei furbi, dei soldi facili non conosce sosta. Fa riflettere che è sempre dalle mammelle dello Stato che questi affamati cercano di bere il latte della rendita facile. Come fosse una fonte inesauribile, quale invece non è; come se fosse normale, persino legittimo, approfittare del posto che si ha per lucrare sui fondi pubblici. Uno schiaffo al bene comune, tanto… lo fanno tutti. E il problema, alla fine, è proprio questo: dai dirigenti agli impiegati, finendo con la classe politica, l’esempio è sempre lo stesso. E non è edificante.

Ma come fare a gestire ingenti passaggi di denaro senza destare sospetti? Truccando le matricole delle aziende erogatrici dei Trattamenti di fine rapporto, meglio se con anziani prossimi al decesso, se non già passati a miglior vita. Qualche impostazione modificata nei parametri nel cervellone dell’Inps, et voilà, il gioco è fatto. Magicamente dalle casse dello Stato sparivano i soldi delle ditte e passavano nei conti di persone realmente esistenti (o esistite) 85,269 euro, e poi 64.254, 46,460, 64.703… Un bonifico dietro l'altro, e così via. Persino con i decimali ben conteggiati, perché l’approssimazione in questi casi avrebbe potuto far scoprire l’inghippo.

Ciò che invece non solo era approssimativa, ma addirittura inesistente, era la documentazione cartacea a supporto di quei movimenti telematici: nessuna domanda di prestazione, né fascicolo, né quietanza di pagamento. E ovviamente nessun contratto in essere con le aziende per cui si erogava il Tfr, nessun rapporto di lavoro. Fantasmi che pagavano fantasmi, ma i soldi non erano un frutto dell’immaginazione.

Alla fine la Corte ha deciso per la condanna al risarcimento di 771.773,22 euro, oltre agli interessi, alla rivalutazione di legge e alle spese processuali. Un piccolo trionfo della Giustizia in un corpo – quello della burocrazia italiana - ancora lontano dall’essere guarito dal suo male peggiore: l’infedeltà.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018