GIOVEDÌ 14 MAGGIO 2015, 11:15, IN TERRIS

L'AUSTRALIA CONTRO JOHNNY DEPP, I SUOI CANI RISCHIANO LA PENA DI MORTE

Il Pirata dei Caraibi è accusato di aver fatto entrare illegalmente gli animali nel continente

AUTORE OSPITE
L'AUSTRALIA CONTRO JOHNNY DEPP, I SUOI CANI RISCHIANO LA PENA DI MORTE
L'AUSTRALIA CONTRO JOHNNY DEPP, I SUOI CANI RISCHIANO LA PENA DI MORTE
Ancora una grana per Johnny Depp impegnato sul set australiano per le riprese della quinta serie dei Pirati dei Caraibi. Lo scorso marzo un uomo vestito da pirata aveva fatto irruzione sul set e con un coltello aveva minacciato una delle guardie, fortunatamente il tutto si era risolto senza nessun ferito. Ora, invece, l'irriverente pirata è nei guai con il governo australiano. Tornato nel Paese con il suo aereo privato per proseguire nelle riprese del film, ha deciso di portare con sé i suoi due Yorkshire terrier, che sono stati condannati a morte. Pistol e Boo, così si chiamano i cani, dovranno essere portati fuori dallo Stato entro sabato o saranno soppressi.

Il ministro dell'agricoltura australiano, Barnaby Joyce, ha accusato l'attore di aver fatto entrare i due animali nel Paese senza la necessaria documentazione. Depp e la moglie, Amber Heard, hanno 72 ore di tempo per far tornare negli Stati Uniti i due Yorkshire. Inoltre il capitano della Perla Nera è accusato di aver violato le rigidissime leggi che regolano l'ingresso di animali e piante nel continente, istituite con lo scopo di prevenire e impedire la diffusione di malattie. Occorre infatti richiedere un permesso e gli animali vengono poi messi in quarantena per una decina di giorni per poi essere riconsegnati al legittimo proprietario.

"Solo perché é Johnny Depp non significa che sia esonerato dal rispetto delle leggi australiane - ha dichiarato il ministro Joyce per sottolineare la serietà della situazione, ed ha aggiunto - E' ora che Pistol e Boo smammino negli Usa. O li rimanda indietro, o dovremmo sopprimerli".

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"