VENERDÌ 31 LUGLIO 2015, 000:25, IN TERRIS

Perché i bambini col fegato grasso rischiano il diabete

AUTORE OSPITE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Perché i bambini col fegato grasso rischiano il diabete
Perché i bambini col fegato grasso rischiano il diabete
"Un bambino con fegato grasso su due presenta accumuli di grasso anche nel pancreas. Questi bambini corrono un rischio di sviluppare insulinoresistenza e, quindi, diabete, 5 volte superiore alla media." Questo è ciò che emerge da uno studio condotto dall'Ospedale Pediatrico del Bambino Gesù (il primo in campo pediatrico a dimostrare la correlazione tra obesità e pancreas grasso) pubblicato sulla rivista Clinical Endocrinology. Il dottore Valerio Nobili, responsabile del reparto Malattie Epatometaboliche del Bambino Gesù, spiega che "I risultati confermano ancora una volta l'importanza di una diagnosi precoce e la necessita' di uno screening mirato per tutti quei bambini con eccesso ponderale".

Le nazioni occidentali, negli ultimi vent'anni, hanno assistito ad una vera e propria epidemia di obesità, con la comparsa in età pediatrica di "nuove" malattie. Spesso all'obesità si associa l'accumulo di tessuto adiposo in zone del corpo dove, di solito, non è presente (es. cuore, fegato, pancreas). Questo accumulo genera nuove patologie, come la steatosi pancreatica, cioè l'accumulo di grassi nel pancreas. L'ospedale spiega che "Negli adulti, i dati disponibili mettono in relazione la steatosi pancreatica con l'obesita', l'insulino-resistenza, il diabete tipo 2 e la sindrome metabolica. Inoltre, e' stata avanzata una possibile correlazione tra fegato grasso e steatosi pancreatica".

Questo studio dimostra, inoltre, la frequenza e le implicazione clinico-laboratoristiche del pancreas grasso in un gruppo di bambini obesi. La steatosi pancreatica è presente nella metà dei piccoli pazienti. Si sottolinea "come questa condizione si associ aforme di insulino-resistenza più severe, con un rischio di presentare iperinsulinismo 5 volte maggiore rispetto ai pazienti senza accumuli di tessuto adiposo nel pancreas". Cioè un maggior rischio di sviluppare in età giovanile un diabete di tipo 2. Nobili sostiene che "Lo studio suggerisce come i pazienti con obesità debbano essere studiati in maniera approfondita, ricercando segni precoci di rischio. Questo consentirà di individuare celermente i pazienti a maggior rischio di sviluppare complicanze metaboliche precoci e quindi più bisognosi di programmi di intervento mirati. I pazienti con steatosi pancreatica devono essere dunque considerati un gruppo 'a rischio' per lo sviluppo di un danno epatico e metabolico piu' severo, e a maggior rischio di sviluppare diabete mellito tipo 2"-

Il dottor Marco Cappa, responsabile del reparto di endocrinologia del Bambino Gesù, conclude dicendo che "'Lo studio in questione e' di estrema importanza perché aggiunge un ulteriore tassello a quello che risulta essere il puzzle della sindrome metabolica come anticamera del diabete di tipo 2 nell'adulto. In particolare ci spiega, almeno in parte, perché solo alcuni dei bambini obesi con iperisulinismo sviluppano in età adulta il diabete di tipo 2. Se il dato della steatosi epato-pancreatica si associa al diabete di tipo 2 del giovane adulto si avrà la dimostrazione che la causa primaria scatenante la malattia diabetica parte dalla infiammazione scatenata dalla steatosi".
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il discorso del premier Giuseppe Conte all'assemblea Anci
AREZZO

Conte ai sindaci: no a un'Italia a più velocità

Il premier interviene all'assemblea Anci e parla di manovra, periferie e Mesi
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, saluta i bambini al Teatro Carignano per la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2018/2019 dell'Università di Studi di Torino - Foto © Presidenza della Repubblica
DIRITTI UMANI

Mattarella: "Resta tanto da fare per i bambini in difficoltà"

Il discorso del capo dello Stato in occasione della Giornata per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza
Gli impianti ex Ilva di Taranto
L'ANALISI

Caso Ilva: perché è un rischio europeo

Tutte le variabili del caos degli stabilimenti pugliesi. Di Taranto: "Lo scudo penale, un alibi per Mittal"
Matrimonio
IL DATO

La nuova tendenza? Sposarsi!

l’Istat pubblica i dati sul matrimonio che rivelano come le nozze siano aumentate nell’ultimo anno
Pallone ufficiale di Euro 2020
CALCIO

Euro 2020: come funzionano gli spareggi

Venti nazionali già qualificate, le ultime quattro passeranno dal mini-torneo: guida alle ultime qualificazioni
Il vice presidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, e il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri
ECONOMIA

Manovra, promossa con riserva

Arriva il giudizio di Bruxelles sulla legge di bilancio, preoccupa l'elevato debito pubblico
Monopattino elettrico a Roma
CODICE DELLA STRADA

Capitale senza norme sui monopattini elettrici

A differenza di altre città in cui è in corso una sperimentazione, Roma è ancora priva di regolamentazione
IL PUNTO POLITICO

Legge di bilancio, il dibattito è aperto

Maggioranza e opposizione si confrontano sulla manovra, al via l’iter parlamentare
La lucertola Lataste, scoperta nelle Isole Pontine
ISOLE PONTINE

Scoperta una nuova lucertola "made in Italy"

A indicare che si tratta senza dubbio di una nuova specie è stata l'analisi del Dna
A sinistra, la senatrice Liliana Segre. A destra, l'attore italiano Ezio Greggio
LA POLEMICA

Ezio Greggio dice "no" a Biella dopo il "caso Liliana Segre"

Il comico biellese rifiuta la cittadinanza onoraria perché il comune l'aveva negata alla senatrice. Ma il sindaco non...
I soccorsi
VIA FORMELLESE

Incidente mortale in via Cassia: due morti

Le vittime sono due uomini di 46 e 49 anni; strada chiusa fino alle 5.00
La macelleria dopo la deflagrazione
REGGIO CALABRIA

Esplode macelleria, feriti 5 vigili del fuoco

La deflagrazione è avvenuta in via Santa Lucia, nella zona di Sant'Antonio