VENERDÌ 07 AGOSTO 2015, 000:25, IN TERRIS

Il vento del Sahara fa male ai polmoni

REDAZIONE
Il vento del Sahara fa male ai polmoni
Il vento del Sahara fa male ai polmoni
L'Europa è raggiunta regolarmente da aria calda proveniente dal Sahara, che con se porta le polveri più sottili delle sabbie desertiche. L'Italia si trova al centro di queste correnti, con ondate di calore e le note ricadute di 'piogge rosse' che spesso concorrono al superamento dei limiti di legge sanzionati dall'Europa per il PM10, cioè l'insieme di polveri inquinanti di diametro inferiore a 10 µm, e quindi facilmente inalabili.

Gian Paolo Gobbi, ricercatore dell'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche, ricorda che "E' scientificamente dimostrato che l'inalazione di queste particelle e' associata a un aumento della mortalità e a effetti negativi sulla salute: recenti studi su Roma hanno evidenziato un legame tra gli aumenti di PM10 dovuti agli eventi sahariani e ospedalizzazioni per problemi respiratori e cerebrovascolari. Sempre agli aumenti del PM10 durante gli eventi sahariani sono stati associati incrementi nella mortalità per problemi respiratori e cardiaci".

Per monitorare la situazione, è stato attivato Il progetto "Diapason" (Desert-dust impact on air quality through model-predictions and advanced sensors observations), coordinato dall'Isac-Cnr e finanziato dal programma europeo LIFE+ 2010, con l'obiettivo di identificare le polveri di origine naturale per defalcarle dal computo annuo del PM10, ottenendo in tal modo un notevole risparmio di denaro pubblico sulle sanzioni.
"Abbiamo sviluppato un innovativo sistema semi-automatico per raccogliere, organizzare e memorizzare le informazioni necessarie per l'identificazione delle polveri di origine sahariana -prosegue il ricercatore- In particolare, il software analizza le informazioni raccolte, crea un database degli eventi sahariani e quantifica i loro effetti sui livelli di PM10. Il sistema e' distribuito gratuitamente alle agenzie per la qualità dell'aria".



"In questo decennio il carico annuo di polveri di origine sahariana e' sceso da 1.9 a 1.6 µg/m3 nelle aree rurali e da 2.3 a 1.1 µg/m3 nell'area urbana di Roma: riduzioni che hanno portato ad una diminuzione del 60-70% dei superamenti della soglia sanzionabile di 50 µg/m3. Per il 2020 le concentrazioni di PM10 sono previste in risalita di circa il 15%. E, ad oggi, 12 delle 37 stazioni di misurazione dell'inquinamento dell'aria laziale registrano piu' dei 35 superamenti annui fissati dalla Eu come limite, mentre 10 stazioni, di cui 5 a Roma, presentano piu' di 40 superamenti per anno".

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti
il vescovo di Mazara del Vallo, monsignor Domenico Mogavero

Il senso d'umanità

In seguito alla decisione del Tribunale di sorveglianza di Roma che ha respinto la sua richiesta di sospensione della...
Una frazione di gioco di Juventus-Inter
CALCIO | SERIE A

Juve-Inter a reti bianche: Spalletti è ancora primo

I bianconeri giocano meglio ma non sfondano: 0-0. Il Napoli può tornare davanti