MARTEDÌ 23 DICEMBRE 2014, 000:01, IN TERRIS

L'ALTRO VOLTO DELLA MARINA MILITARE
La nave diventa ospedale per i più deboli

ANGELO PERFETTI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'ALTRO VOLTO DELLA MARINA MILITARE <BR>La nave diventa ospedale per i più deboli
L'ALTRO VOLTO DELLA MARINA MILITARE
La nave diventa ospedale per i più deboli
Si sono incontrati per caso, in un momento tragico. Haiti, gennaio 2010; l'isola delle meraviglie era appena stata devastata dallo tsunami. Hanno lavorato fianco a fianco per salvare il maggior numero di vite possibili; da quel momento non si sono più lasciati, e ancora oggi stanno insieme. Protagonisti di questa storia sono la Marina militare italiana e la onlus Operation smile che da quel giorno, superata l'emergenza, operano in tandem per restituire il sorriso a tanti bambini affetti da labioschisi o palatoschisi (mancanza di labbra o palato nel neonato). E non è l'unica iniziativa della Marina verso il sociale.

In pochi lo sanno: l’ammiraglia italiana, la portaerei Cavour (il Cavour, come dicono in plancia, dove i nomi della flotta sono declinati tutti al maschile) è definita nel settore "quattro navi in una", essendo capace di essere utilizzata non solo per il suo ruolo primario (aerei ed elicotteri), ma anche per trasportare truppe o personale da impiegare nelle calamità naturali (con team di soccorso e medici), fungere da ospedale, o da quartier generale per il comando di un'intera Squadra navale.

“Ma quando resta all'attracco nel porto di Taranto si apre al territorio, con una particolare attenzione ai più deboli. E lo fa in tanti modi. Le sale operatorie vengono attrezzate per operare i bambini, sia italiani sia stranieri, con particolari patologie che solo le eccellenze militari possono risolvere, o che non hanno altra possibilità di essere assistiti dal normale servizio di sanità nazionale”. Sono per lo più bimbi sfigurati da malattie a volte altamente invalidanti e che ritrovano il sorriso - nel vero senso del termine - grazie all'opera dei nostri chirurghi. Uno schiaffo a chi percepisce i militari come coloro che pensano solo a uccidere.

massimo_bonuNave Cavour è molto impegnata nel sociale - racconta il vicecomandante, capitano di Fregata Massimo Bonu -. Quest'anno durante il periplo dell'Africa sono stati effettuati 114 interventi su minori africani; nei periodi di non impegno per l'unità, dunque quando la nave è a Taranto, abbiamo effettuato diversi week-end di operazioni a bordo – circa uno ogni due mesi - sempre per bambini bisognosi. Vale la pena sottolineare come sull’Ammiraglia ci siano due sale operatorie, sale per degenza e stanze per accogliere i familiari dei pazienti operati in chirurgia maxillofacciale”.
L'arrivo poi è particolare: i pazienti vengono accolti con i palloncini, si fanno giocare, si raccontano delle storie, gli regalano giocattoli spesso fatti addirittura dal personale di bordo. "Un'esperienza che porteranno sempre nel cuore, anche perché continuiamo a seguire tutti i nostri piccoli amici nel tempo e conosciamo genitori meravigliosi".

“Sono interventi di particolare rilevanza non solo chirurgica – spiega il tenente di Vascello, Luigi De Marino - perché molti di questi bambini, a causa della loro patologia, vengono praticamente esclusi dalla società, emarginati. Spesso anche all'interno della famiglia, che si vergogna della situazione, di mostrare agli altri il problema che ha in casa. Accade quasi sempre in Africa, ma anche qui da noi la situazione non sempre è migliore”. Quando giunge la nave, arriva la speranza.

“Non solo Operation smile – precisa il capitano di Vascello medico, Fiorenzo Fracasso - ma anche visite oculistiche con l'occhiale confezionato per i piccoli pazienti. E attenzione: il suolo italiano è stato il primo ad essere interessato – e lo è tuttora - da queste iniziative, poi esportate anche all'estero. Un impegno dunque prettamente nostrano, nato da una disponibilità della Marina militare tipica del sentire profondo della nostra terra”. Insomma, Operation smile ha un nome americano, ma un cuore tutto italiano.

“Il Cavour poi si rende disponibile anche ad altro – aggiunge il tenente di Vascello, Sara Vinci -. Ci sono visite delle scolaresche, ma soprattutto adesioni a campagne in favore della ricerca. La nave ospita di frequente giovani con storie difficili alle spalle, che gioiscono nel visitare una città (perché questo e una portaerei...) completamente nuova ai loro occhi. E in più, diversi interventi negli ospedali italiani, che vanno dal regalare cioccolatini “Telethon” ai piccoli pazienti fino al mettere a disposizione consulenze mediche approfondite durante i viaggi in missione, là dove le emergenze sono la normalità”.

[gallery columns="8" type="slideshow" ids="30063,30057,30058,30059,30060,30061,30062,30080,30064,30065,30066,30067,30068,30069,30070,30071"]

salvatore_mendiciniMa la Marina italiana non apre solo le porte dei suoi gioielli sul mare. Lo fa anche a terra, risultando per la comunità tarantina in particolare un vero e proprio salvavita. Nell'area geografica in questione, infatti, non c'è alcun ospedale che possieda una camera iperbarica. Carenza non da poco, visto che quello della costa pugliese e uno dei mari più belli del Mediterraneo e invita a far escursioni subacquee. Proprio per questo il rischio di soggetti con embolia aumenta, e in quei casi c'è un solo modo per salvare una vita umana: entrare il più rapidamente possibile in una struttura come questa.

“L'ospedale militare di Taranto, 60.000 metri quadri di superficie per 10 branche specialistiche, oggi interforze – spiega il direttore del nosocomio, capitano di Vascello medico Salvatore Mendicini, tarantino di nascita, neurologo di professione -, si è aperto al territorio mettendo a disposizione il suo gioiello, attrezzando una pista di atterraggio elicotteri proprio di fronte all'ingresso della camera iperbarica raggiungibile anche dalle ambulanze in maniera diretta”.  L’ultimo intervento proprio lunedì 22 dicembre, per un caso di intossicazione da monossido di carbonio; un’emergenza risolta con successo.

Ogni secondo è prezioso, e salvare una vita per la Marina - non a caso indiscussa protagonista dell'Operazione Mare Nostrum - e più di un dovere morale, è una missione; importante tanto quanto quelle fatte all'estero nei teatri di guerra o negli interventi di peacekeeping. Loro lo chiamano “dual use”, gli altri la definiscono solidarietà. Amore per il proprio Paese, per tenere alta la bandiera italiana nel mondo, per essere utili ai più poveri, agli ultimi: anche questo è la Marina Militare italiana.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...