L’ALLARME DELL’UNICEF: “IN SIRIA 2 MILIONI DI BAMBINI SENZA SCUOLA”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 5:30

Mentre i bambini in tutto il mondo tornano sui banchi di scuola, oltre 2 milioni di bambini in Siria non potranno farlo. Secondo l’Unicef, altre 400mila rischiano di non poter andare più a scuola a causa del conflitto, di violenze e sfollamenti. Il conflitto in Siria entra nel quinto anno e continua a cancellare anni di progressi nell’istruzione. Molti bambini non sono mai stati in una classe, mentre altri hanno perso fino a quattro anni di scuola.

Ci sono 5mila scuole nel paese che non possono essere utilizzate perché sono state distrutte, danneggiate, utilizzate come rifugi per famiglie o per scopi militari. Molti genitori sono preoccupati di mandare i propri figli a scuola perché hanno paura dei pericoli che potrebbero incontrare lungo la strada o nello stesso istituto scolastico. Soltanto nel 2014, almeno 60 scuole sono state attaccate, alcune intenzionalmente. Anche gli insegnati in Siria hanno pagato un alto prezzo, oltre un quarto del personale scolastico ha abbandonato il posto di lavoro.

“I servizi pubblici di base della Siria, compresa l’istruzione, sono allo stremo,” ha dichiarato Hanaa Singer, Rappresentante Unicef nel Paese. “Dobbiamo fare di più per evitare che le istituzioni scolastiche collassino e per dare più opportunità ai bambini di avere accesso all’istruzione nel paese”. L’Unicef ha un’ampia rete di partner locali sul campo che lavorano per raggiungere circa 3 milioni di bambini e per la prima volta da quando il conflitto ha avuto inizio, un programma di istruzione informale è stato implementato per ridurre il numero di bambini che non ricevono un’istruzione.

L’organizzazione per la tutela dell’infanzia delle Nazioni Unite sta stampando a livello locale materiali scolastici e libri di testo da distribuire agli studenti che hanno bisogno. I bambini in Siria stanno dimostrando livelli eccezionali di resilienza e continuano a voler imparare. Per sostenere gli esami la scorsa estate, almeno il 20% dei bambini è stato costretto ad attraversare zone di conflitto. Intraprendendo un viaggio pericoloso, hanno attraversato innumerevoli checkpoint e rischiato di essere coinvolti in terribili combattimenti.

Oltre i 2,2 milioni di bambini raggiunti dalla campagna “Ritorno allo studio”, e nell’ambito della campagna “No Lost Generation”, l’Unicef sta avviando un programma di auto apprendimento per raggiungere 500mila minori che hanno interrotto il percorso scolastico. Il focus del programma è sulle aree in cui il conflitto è più intenso e dove le scuole sono chiuse.  Per garantire spazi adeguati per l’apprendimento sono stati allestiti nel paese almeno 600 club scolastici. Nelle aree che ospitano i più alti numeri di bambini sfollati, 600 scuole sono state riabilitate e 300 classi prefabbricate sono stati allestite per altri 300.000 bambini.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.