GIOVEDÌ 07 MAGGIO 2015, 10:44, IN TERRIS

L'ALBERO DEL MIGRANTE, UNA PIANTA PER OGNI NAUFRAGO SCOMPARSO

Si diffonde anche sul web l'iniziativa di solidarietà lanciata all'indomani della strage del 20 aprile, in cui oltre 800 migranti persero la vita nel mar Mediterraneo

DON MARCO MONDELCI
L'ALBERO DEL MIGRANTE, UNA PIANTA PER OGNI NAUFRAGO SCOMPARSO
L'ALBERO DEL MIGRANTE, UNA PIANTA PER OGNI NAUFRAGO SCOMPARSO
"E' solo un semplice gesto, non mi ha fatto sentire migliore perché nessuno ci potrà assolvere dalle morti che concediamo, che non vogliamo impedire, o che vorremmo tanto poter impedire ma che non riusciamo a fermare. Piantando questo piccolo arbusto non mi sono sentita migliore ma garantisco che farlo mi ha fatto riflettere sul fatto che basterebbe poco per esserlo almeno un po’. Per me un albero è dignità" queste le parole di una delle promotrici di "albero del migrante", Maria Laudato, che insieme ad Alessia Arcolaci e Karole Di Tommaso si sta impegnando per ricordare chi ha perso la vita in mare, in particolare le 800 vittime del recente naufragio avvenuto nel Mediterraneo nella notte tra il 19 e il 20 aprile.

Dare dignità, ma non solo: far nascere dalla morte una nuova vita. E, soprattutto, non dimenticare. E' questo il senso e lo scopo dell'iniziativa."L’albero del migrante – spiegano - vuole ricordare ogni persona che ha perso la vita in mare, darle una degna sepoltura piantando un albero. Per ricordarli uno ad uno e generare vita dal loro sacrificio". L'obiettivo è 900, per celebrare ciascuna delle vittime dell'ultimo sbarco, ma tanto meglio se gli alberi piantati saranno di più: "saremo tutti parte di un memoriale verde che vivrà con noi e crescerà con noi".

L'idea ha fatto presto a diffondersi nei social network, in testa Twitter e Facebook: gli alberi piantati sono ancora pochi, ma i "like" aumentano di ora in ora. I primi due alberi sono stati piantati a Roma nel Parco delle Energie, due ulivi come auspicio di pace. Poco dopo, un altro piccolo olivo è spuntato in Molise, per celebrare il 25 aprile. Poi, a Caltanissetta, è stata una delegazione di migranti a piantare un albero nel cortile di un liceo. Negli ultimi giorni, sono spuntati ancora alberi: noccioli, ciliegi, tutti fotografati e condivisi sui social, a volte accompagnati da un testo che spiega le ragioni del gesto e dell'adesione all'iniziativa.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Brexit (repertorio)
BREXIT

Ok del Consiglio alla "fase due"

May: "Passo importante". I leader Ue: "Ora inizia il difficile"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana