GIOVEDÌ 30 APRILE 2015, 11:13, IN TERRIS

L'ACLI ENTRA NELLE CARCERI PER AIUTARE I DETENUTI NELLE PRATICHE INPS

L’intesa tra le Associazioni cristiane lavoratori italianie il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria è stato siglato ieri a Roma

MILENA CASTIGLI
L'ACLI ENTRA NELLE CARCERI PER AIUTARE I DETENUTI NELLE PRATICHE INPS
L'ACLI ENTRA NELLE CARCERI PER AIUTARE I DETENUTI NELLE PRATICHE INPS
Il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria e il Patronato Acli hanno stipulato mercoledì un accordo per favorire il processo di integrazione e inclusione sociale dei detenuti sostenendoli nell'adempimento di pratiche e scadenze burocratiche che, da soli, non sarebbero in grado di adempiere. “Si tratta di un’intesa - ha affermato Paola Vacchina, presidente nazionale del Patronato Acli - volta a rafforzare e rilanciare una realtà che già esiste, e che sta dando dei risultati nel contrasto al fenomeno della recidiva, attraverso servizi di consulenza, di assistenza e di tutela a favore dei detenuti, forniti dal Patronato Acli”.

Nello specifico, Acli si mette a disposizione dei soggetti interessati per fornire assistenza previdenziale a chi non può dialogare con l'Inps. L'istituto di previdenza è, ormai da anni, completamente informatizzato e ciò rappresenta una criticità per i detenuti che non hanno la possibilità di collegarsi a internet. Le domande di prestazioni previdenziali, assistenziali e a sostegno del reddito, vengono infatti recepite dall'INPS esclusivamente in formato digitale e il cittadino recluso si trova di fatto impossibilitato a presentare la propria domanda di pensione, l'istanza per il riconoscimento dell'invalidità civile, l'autorizzazione per gli assegni al nucleo familiare o altri moduli telematici.

Nel 2013 sono state attivate dal Patronato Acli 4.497 pratiche, per 2443 persone, in 71 province, dove Acli è presente all‘interno di case circondariali e di reclusione. “Questo contribuisce a non lasciare i carcerati a loro stessi - ha dichiarato Luigi Pagano, vice capo Dipartimento dell‘Amministrazione penitenziaria - e ne favorisce il reinserimento sociale”. “Accanto alla certezza della pena ci deve essere la certezza dei diritti - conclude Antonio Russo, responsabile Legalità della presidenza nazionale Acli - per questo c‘è un tema culturale da approfondire, quello di avvicinare il carcere alla gente”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...