SABATO 21 FEBBRAIO 2015, 000:01, IN TERRIS

La rete delle donne

AUTORE OSPITE
La rete delle donne
La rete delle donne
liliana ocminIl cammino delle donne non è affatto finito ma anzi è un percorso in progressione verso l’obiettivo della parità e delle pari opportunità su cui si misura il livello di civiltà e democrazia di un Paese. Non vogliamo rinunciare a dare all'Italia quel valore aggiunto che viene dalle donne e di cui ha necessità. Questo per rendere il Sindacato, dal punto di vista interno, più moderno e al passo coi tempi; per una “nuova stagione di democrazia e di rappresentanza” che non può prescindere da un rinnovato impegno e protagonismo sui territori degli uomini e delle donne sindacaliste; dal punto di vista esterno, per consolidare quel “sistema di partecipazione” più maturo in ambito lavorativo, sociale, economico e non solo, che per essere tale non può ignorare il punto di vista degli uomini e delle donne, dei lavoratori e delle lavoratrici, dei pensionati e delle pensionate, insomma della società nel suo insieme.

Proprio per essere coerenti con quel pragmatismo, tipico delle donne, che mette al centro la persona, il territorio e l’impresa, nei prossimi mesi e per tutto il 2015 il Coordinamento Nazionale Donne, d’intesa con il Dipartimento Politiche Migratorie donne e giovani, lavorerà al fianco della Cisl per sostenere le mobilitazioni in atto sui grandi temi del fisco, della previdenza e del lavoro anche rilanciando la propria attività all’interno dei suoi specifici gruppi di azione e di proposta. Ricco anche il calendario di appuntamenti ed iniziative che nel corso dell’anno vedranno impegnato il Coordinamento in maniera diretta, a partire dalla prossima Giornata Internazionale dell’8 marzo che sarà dedicata al sostegno del Progetto Iscos a tutela delle donne e dei bambini del Pakistan.

Dunque bisogna privilegiare quel “modello organizzativo di genere” che mette al centro la territorialità e il “federalismo del fare” ovvero la capacità di valorizzare le specificità dei bisogni provenienti da ogni territorio e da ogni categoria pur nel rispetto di una cornice generale. E’ un modello organizzativo che da sempre punta a privilegiare il “fare rete” fra le donne presenti nei diversi organismi dirigenti, nei coordinamenti, fra le Rsu e le lavoratrici iscritte alla Cisl. L’intento resta sempre lo stesso, quello di accrescere la “cultura di genere” che improntata all’empowerment e al mainstreaming, principi fondanti della “Conferenza di Pechino”, a 20 anni dalla loro diffusione, si confermano attuali e necessari per garantire la piena rappresentanza e rappresentatività femminile a tutti i livelli.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
cisl donne
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Vigili del fuoco in azione a Desenzano
DESENZANO DEL GARDA

Incendio in discoteca: 17 intossicati

Panico al "Disco Art": fumo entrato dai bocchettoni dell'aria
Il Papa durante il viaggio in Perù
VIAGGIO IN PERÙ

Così il Papa ha ringraziato l'Arcivescovo di Lima

Ecco la lettera inviata al card. Thorne al termine della visita nel Paese sudamericano
Una veduta del Duomo di Firenze
FIRENZE

Biglietto unico per il Museo del Duomo e della Misericordia

Costerà 16 euro e sarà acquistabile presso le casse dell’Opera di Santa Maria del Fiore
Donald Trump
RUSSIAGATE

Memo dei democratici,
Trump: "Caccia
alle streghe"

L'opposizione presenta un documento che difende l'Fbi. La Casa Bianca: "Fiasco politico"
La Croce Rossa internazionale

Scandalo senza fine

Anche nella Croce Rossa Internazionale scoppia lo scandalo: negli ultimi tre anni, 21 funzionari della celeberrima...
IMMIGRAZIONE

Fcei: "politiche europee inadeguate"

Bernardini: "Corridoi umanitari alternative reali"