SABATO 23 LUGLIO 2016, 000:01, IN TERRIS

LA PARABOLA DELL'IRLANDA

AUTORE OSPITE
LA PARABOLA DELL'IRLANDA
LA PARABOLA DELL'IRLANDA
Cosa sappiamo dell’Irlanda veramente? Oltre alla birra, con la Guinness come immagine, oltre al rugby, oltre alle immagini dei leprecani nell’immaginario collettivo si pensa alla crisi di un intero stato e alle grandi aziende che hanno sede sull’isola per sfruttarne la bassa tassazione. Crisi e grandi aziende, sembra un ossimoro ma non fu così.

Negli anni passati lo stato irlandese è stato oggetto di una grande ascesa economica, dovuta, principalmente, ad un’alta dinamicità del sistema, caratterizzato da un apparato burocratico non invadente, un sistema giuridico giuridico che garantisce la certezza del diritto nella tutela dei contratti e, soprattutto, una corporate tax flat del 12,5%, non un sistema “contrattuale ad personam” come quello che applicò il Lussemburgo di Juncker (che rappresentava una vera e propria gestione beggar thy neighbors) ma un impianto certo ed uguale per tutti, cosa che ha spinto numerose aziende a insediarsi nel territorio.

Il sistema fiscale, inoltre, è caratterizzato anche dalla detassazione del “diritto d’autore”. L’assenza d’imposta sulla proprietà intellettuale e la tutela della stessa mediante una normativa tassativa, come quella che viene dall’elaborazione dell’Unione Europea, ha spinto l’apertura di imprese relative al cosiddetto terziario avanzato e, in particolar modo, per la produzione di software.

La rapida crescita economica, tuttavia, è stata anche la prima causa della crisi che, dal 2007 in poi, ha colpito l’isola.  Gli alti tassi di crescita attirarono diversi cittadini in cerca di opportunità di lavoro e di business e questo portò ad un incremento di richieste di residenza e di abitazioni; tutto questo spinse una vera bolla immobiliare, destinata ad esplodere con la crisi finanziaria. Immobili divennero sopravvalutati e le vendite calarono in concomitanza con la riduzione del giro d‘affarii; le banche, quindi, si trovarono eccessivamente esposte sia dal lato degli impieghi sia dal lato finanziario, cosa che si tradusse in una drammatica crisi di liquidità che obbligò lo stato a intervenire per evitare un crack del sistema

L’immissione di liquidità pubblica, resasi necessaria, spinse in alto il rapporto debito/PIL che, da circa il 25% del 2007 salì in pochi mesi fin oltre il 65% per toccare il 120% circa nel 2012.

Per sostenere l’economia nazionale ed evitarne un default, provata da questo stato di crisi, già nel 2008 UE e FMI stanziarono quasi 100 miliardi di euro furono stanziati diversi miliardi di Euro con la clausola dell’obbligo di ricondurre il disavanzo sotto il 3% del PIL entro il 2014.

Lo stato irlandese per cercare il rilancio seguì la strada del taglio della spesa per ridurre al minimo la leva fiscale per non andare a pesare su cittadini e industria. Si adottò una forma di austerity decisamente diversa da quella che impose Monti, che soffocò l’Italia con un aggravio fiscale senza precedenti ma che permise che lentamente, l’Irlanda cominciasse a uscire dall’impasse già nel 2012.

Oggi i dati economici mostrano che la “cura” dovrebbe aver avuto effetto, l’Irlanda segna un previsionale di crescita del PIL 2015 al 26.3%, ben superiore già all’ottimo 7.8% stimato in precedenza, e maggiore a qualsiasi altro dato fornito dalle economie nazionali sul globo; contemporaneamente il rapporto debito/PIL si avvia a scendere sotto l’80% segando un ritorno alla stabilità e alla sostenibilità dei conti pubblici e il tasso di disoccupazione scende sotto l’8%, quasi dimezzandosi rispetto agli anni più critici.

Questo risultato è stato consentito dall’ostinazione di non voler toccare il prelievo fiscale, mantenendo un’aliquota “light” soprattutto sulle imprese, cosa che ha permesso di non veder ridotti gli investimenti esteri nemmeno nella fase più buia della crisi.

Vero è che un dato sorprendente come questo vada preso con la dovuta prudenza, poiché il Q! 2016 si è concluso con una contrazione di oltre due punti percentuali su quello dell’anno precedente, cosa che sarebbe anche fisiologica dopo un boom del genere, e YtY si registrerebbe una crescita di “appena” un 2.3% comunque ben superiore ai tassi di crescita di tutta l’euroarea.

Un’ombra, però, la si può individuare nella crescita del debito privato, che cresce ancora superando il 200% del PIL, cosa che potrebbe essere l’indicatore di una nuova bolla che sta montando oppure, se visto sotto un altro aspetto, come un miglioramento delle aspettative di medio lungo periodo.

L’esempio irlandese, forse, mostra che un’alternativa vera alle politiche condotte in Italia, condotte sul modello “tassa e spendi”, esiste ed è decisamente più efficace dei palliativi che sono stati messi in atto dagli ultimi esecutivi.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
irlanda
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Luca Pasquaretta, portavoce della sindaca Appendino
TORINO | MAXISCHERMO A PARCO DORA

Avviso di garanzia per il portavoce della sindaca Appendino

Gli accertamenti sono collegati alla maxi-inchiesta sui fatti di piazza San Carlo
Gianfranco Fini ed Elisabbetta Tulliani
RICICLAGGIO

Chiesto il rinvio a giudizio per Fini e Tulliani

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, accusato di...
Scena del film
CINEMA

Un film toglie il velo sull'utero in affitto

Programmazione a Roma de "Il figlio sospeso" del regista Egidio Termine
Sonda alla ricerca di asteroidi
RICERCA

Nasa, è caccia agli asteroidi

In estate le sonde americane e giapponesi raggiungeranno i "sassi cosmici" Bennu e Ryugu
Indagano i carabinieri
CAVA DE' TIRRENI

Lite tra coniugi, morta la moglie

Grave il marito. Da chiarire se sia un caso di omicidio-suicidio o un reciproco accoltellamento
Polizia thailandese
THAILANDIA

Italiano smembrato e dato alle fiamme

La polizia conferma che si tratta di un 62enne di Sondrio. Ricercati l'ex moglie e il suo amante
Abuso su minore
CASSINO

Suicida l'agente penitenziario accusato di abusi alla figlia

La 14enne aveva parlato degli stupri in un tema scolastico
Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan
ELEZIONI 2018

Renzi: "Ho chiesto a Padoan di candidarsi a Siena"

"La partita non si gioca solo sulle coalizioni"
Taxi a Milano
MILANO

Tassista abusivo arrestato per 2 stupri

Sembra che il fermato non abbia precedenti penali
Il Senato Usa
USA

Shutdown: manca l'accordo, uffici ancora fermi

Oggi nuovo voto in Senato per superare l'impasse. Trump propone di cambiare le regole
Carles Puigdemont
CATALOGNA

Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

Il leader indipendentista in Danimarca: la Spagna chiede un mandato europeo
Angela Merkel e Martin Shulz

Grosse Koalition

Sembra tutto pronto per una riedizione della Gross koalition in Germania tra i socialdemocratici del Spd e i...