GIOVEDÌ 09 LUGLIO 2015, 004:35, IN TERRIS

"LA MADONNA DI BRUGES" PER I NON VEDENTI AI MUSEI VATICANI

Il circuito delle visite tattili si arricchisce con una scultura bronzea

REDAZIONE
"LA MADONNA DI BRUGES" PER I NON VEDENTI AI MUSEI VATICANI
Ai Musei Vaticani è giunta una copia in bronzo della “Madonna di Bruges”, scolpita da Michelangelo. La statua, ricavata da un calco dell’originale, è stata collocata nel circuito delle visite tattili che autorizza i visitatori non vedenti a stabilire un contatto con l’opera d’arte percependone così le forme e la bellezza. Nel caso della “Madonna di Bruges” grazie alla perfetta armonia delle forme dei soggetti raffigurati (Madonna in trono con bambino) e ai dettagli del panneggio, l’esperienza tattile sembra addirittura superare quella visiva.

La scultura è stata donata ai Musei Vaticani dal mecenate americano Ronald Welborn e dalla fonderia fiorentina Ferdinando Marinelli, che nella propria collezione custodisce il calco dell’opera michelangiolesca. L’originale, in marmo bianco, commissionata a Michelangelo da una famiglia di mercanti fiamminghi nei primissimi anni del Cinquecento, è conservata in una nicchia della navata laterale destra della Chiesa di Nostra Signora a Bruges, in Belgio. Qui è stata ricollocata dopo il suo rinvenimento in una miniera ad Altaussee, in Austria, nascosta dai soldati tedeschi che la trafugarono durante la ritirata dal Belgio nel secondo conflitto mondiale.

La raffigurazione della “Madonna col Bambino di Bruges” differisce in maniera significativa dalle precedenti rappresentazioni michelangiolesche dello stesso soggetto, che tendeva a raffigurare una pia Vergine nell'atto di sorridere al proprio figliolo tenuto in grembo. In quest'opera Gesù è in piedi, quasi senza sostegno, tenuto lievemente dal braccio sinistro della madre. Contemporaneamente, lo sguardo di Maria non è rivolto al figlio, ma pare essere assente, come se lei già fosse a conoscenza del destino di quel bambino, che ha potuto intravedere nella lettura delle profezie delle Sacre Scritture, alle quali rimanda il libretto chiuso che tiene nella mano destra. L’ultima volta che la statua venne in Italia fu nel 1952 quando fu temporaneamente esposta al Bargello di Firenze in occasione di uno scambio con il Trittico Portinari di Hugo van der Goes.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti