GIOVEDÌ 16 APRILE 2015, 11:02, IN TERRIS

LA “FEDERAZIONE PER IL SUPERAMENTO HANDICAP” CONTRO IL NUOVO ISEE

In attesa della decisione del Consiglio di Stato, la Fish chiede chiarimenti al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

MILENA CASTIGLI
LA “FEDERAZIONE PER IL SUPERAMENTO HANDICAP” CONTRO IL NUOVO ISEE
LA “FEDERAZIONE PER IL SUPERAMENTO HANDICAP” CONTRO IL NUOVO ISEE
Il Governo sta predisponendo il ricorso al Consiglio di Stato contro le tre sentenze del Tar Lazio, relative all’illegittimità al computo dei trattamenti assistenziali nel nuovo modello Isee. Lo ha reso noto il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali in risposta ad una precisa interrogazione della Fish (Federazione italiana per il superamento handicap) che aveva richiesto informazioni circa l’orientamento del Ministero.

La vicenda era cominciata nel dicembre 2013, quando una norma - quella annullata proprio dalle recenti sentenze del Tar, contenuta in un decreto del presidente del Consiglio dei ministri (dpcm) adottato dal governo di Enrico Letta - ricomprendeva “nella nozione di reddito ai fini Isee i trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, incluse le carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche”. L’illegittimità della norma consisterebbe nel fatto - secondo i giudici amministrativi – che tali tipologie di trattamenti non possono essere computati nel calcolo dell’Isee.

Ora si attende la decisione del Consiglio di Stato. “Ci auguriamo – ha dichiarato Vincenzo Falabella, presidente Fish - che gli interventi correttivi dell’Isee non si limitino al mero accoglimento delle sentenze del Tar e alla loro razionalizzazione, ma che riprendano anche le indicazioni a suo tempo espresse e rimaste inevase, quali - ad esempio - la considerazione, magari in termini di maggiorazioni nelle scale di equivalenza, del peso del lavoro dei caregiver, oppure una ancora maggiore della reale spesa derivante dalla condizione di disabilità che, come andiamo ripetendo da anni, è uno dei principali elementi di impoverimento. Da non dimenticare l’importanza di elementi che rendano più stringente l’omogeneità applicativa nelle diverse regioni e territori”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau