La Croce Rossa lancia la campagna “a Capodanno festeggia senza di noi. Non fare il botto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

“A Capodanno festeggia senza di noi. Non fare il botto”. Così la Croce Rossa Italiana invita alla prudenza quanti si apprestano a salutare il 2014 con i fuochi di artificio. Infatti è proprio durante le celebrazioni per accogliere il nuovo anno che si verifica il maggior numero di incidenti collegati all’uso di petardi e giochi pirotecnici senza adottare le corrette misure di sicurezza. Ed è proprio per questo che la Croce Rossa Italiana ha deciso di divulgare delle semplici regole da seguire per evitare incidenti, che alcune volta si rivelano mortali.

La prima norma è quella di non acquistare fuochi d’artificio illegali, ma rivolgersi sempre a venditori che siano autorizzati e denunciare eventuali abusivi; tenere i bambini lontani dai botti, soprattutto quando vengono accesi per evitare che possano ferirsi; usare solamente all’esterno i fuochi pirotecnici, mai in nessun caso vanno utilizzati in stanze chiuse perché si potrebbe verificare un incendio. Non toccare né tentare di accedere per la seconda volta quei botti che non sono esplosi, infatti potrebbe incendiarsi improvvisamente causando ustioni gravi ai malcapitati.

L’ultimo consiglio, ma non per questo meno importante, è quello di non utilizzare armi da fuoco: sparare nel vuoto o dalla finestre potrebbe causare morti accidentali come più di una volta è già avvenuto in passato. In particolare, nella città di Pescara, il sindaco Marco Alessandrini ha vietato l’uso di botti e fuochi d’artificio nei luoghi pubblici, sostenuto anche dalla Cri locale. “Invitiamo a non utilizzare botti – si legge in una nota dell’associazione – e nel caso di acquistare esclusivamente quelli consentiti e legali. Lanciamo un appello per un uso responsabile dei fuochi d’artificio”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.