MARTEDÌ 12 MAGGIO 2015, 18:00, IN TERRIS

LA CLOWN THERAPY REGALA IL SORRISO A 3000 BAMBINI IN LIBANO

Successo per il progetto della Unifil svoltosi nelle città di Tiro, Marjayoun, Bent Jbeyl e Hasbaya

AUTORE OSPITE
LA CLOWN THERAPY REGALA IL SORRISO A 3000 BAMBINI IN LIBANO
LA CLOWN THERAPY REGALA IL SORRISO A 3000 BAMBINI IN LIBANO
Concluso nei giorni scorsi il progetto “Clown Therapy”, che ha coinvolto circa 3000 bambini nelle città di Tiro, Marjayoun, Bent Jbeyl e Hasbaya, organizzato dalla “United Nations Interim Forces in Lebanon CIMIC” all’interno della quale opera il personale della Multinational CIMIC Group italiano di Motta di Livienza (Tv). Tra i bambini che hanno potuto beneficiare dell’effetto terapeutico del sorriso, vi erano anche rifugiati di guerra siriani e bambini con speciali bisogni educativi.

L’attività della Clown Therapy si è svolta in 18 eventi realizzati presso scuole, orfanotrofi, ospedali e ONG che collaborano nella stessa area di operazione di Unifil. Il team dei cinque clown, di cui quattro di nazionalità italiana e uno solo libanese, fanno parte della “All 4 Children”, un’organizzazione non governativa italiana che opera in tutto il mondo in favore delle persone sofferenti. Il generale Portolano, che da luglio 2014 è comandante della missione Unifil in Libano e primo sostenitore del progetto, ha sottolineato l’importanza della Clown Therapy e di altri progetti, evidenziandone l’utilità sociale tesa a supportare gli enti istituzionali libanesi in favore delle fasce più vulnerabili della popolazione.

L’Unifil, che opera in un contesto geografico molto delicato e in costante mutamento, si è prefissata tre obiettivi: il monitoraggio della cessazione delle ostilità tra Libano e Israele, supporto alle forze armate libanesi dispiegate nell’area meridionale della nazione, e assistenza alla popolazione attraverso la realizzazione di progetti del CIMIC.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"