VENERDÌ 03 APRILE 2015, 004:31, IN TERRIS

LA CINA E GOOGLE AI FERRI CORTI PER LA SICUREZZA SUL WEB

L'azienda statunitense ha dichiarato che i certificati internet emessi dal Cnnic non verranno più riconosciuti nei suoi prodotti

AUTORE OSPITE
LA CINA E GOOGLE AI FERRI CORTI PER LA SICUREZZA SUL WEB
LA CINA E GOOGLE AI FERRI CORTI PER LA SICUREZZA SUL WEB
Un nuovo acceso dibattito tra Google e la Cina. Questa volta l'ufficio cinese che controlla il cyberspazio ha attaccato il colosso statunitense per aver deciso di non riconosce l'autorità dell'agenzia governativa dopo una violazione della sicurezza che la compagnia di Mountain View ha attribuito alla Cina stessa.

Il China Internet Network Information Center (Cnnic) ha detto in un comunicato che "la decisione presa da Google è inaccettabile e incomprensibile e, quindi, il Cnnic invita sinceramente Google a tenere in piena considerazione i diritti e gli interessi degli utenti".

La presa di posizione dell'autorità di Pechino arriva dopo che Google ha collegato l'agenzia stessa a una vulnerabilità in rete e ha revocato a sua fiducia nei certificati internet emessi dal Cnnic. I rapporti tra Google e Pechino non sono mai stati buoni, basti pensare che solo lo scorso anno l'azienda statunitense aveva subito il blocco del servizio di posta elettronica nel Paese. Il motore di ricerca con base in California si è ritirato nel 2010 come atto di protesta per la censura:  La Cina è infatti lo stato con il più grande ed elaborato sistema di censura online, definito il "Great Firewall" che con un gioco di parole che richiama la "Grande Muraglia" ("Great Wall" in inglese).

La scorsa settimana un ingegnere di Google ha scritto sul blog destinato alla sicurezza della compagnia che la Cnnic e una compagnia chiamata MCS Holdings avrebbero emesso "certificati digitali non autorizzati per diversi domini Google". Queste certificazioni "emesse senza autorizzazione potrebbero essere accettate dalla gran parte dei browser e dei sistemi operativi", ha spiegato, e quindi si tratta di "una seria crepa" nel sistema d'emissione dei certificati internet. Google ha pubblicato un aggiornamento nel quale estende il bando ai certificati Cnnic, sostenendo che "non saranno più riconosciuti nei prodotti Google".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno