KEPLER- 1647 B, IL PIANETA GIGANTE CON DUE SOLI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:40

Un nuovo pianeta di 4,4 miliardi di anni che si trova a 3.700 anni luce dalla Terra e nella cosiddetta zona abitabile, ossia a una distanza tale dalle sue stelle da poter avere acqua allo stato liquido e da poter ospitare eventuali forme di vita. Il suo nome è Kepler-1647 b e si tratta del più grande pianeta con 2 soli mai scoperto.

Il corpo celeste si trova in direzione della costellazione del Cigno ed è stato chiamato Kepler-1647 b in omaggio al telescopio spaziale della Nasa Kepler, lo stesso che lo ha scoperto e la cui missione è appena stata prolungata di due anni. I sorpendenti risultati dello studio sono stati pubblicati sull’Astrophysical Journal da Veselin Kostov, del Goddard Space Flight Center.

E’ proprio grazie a questo telescopio che gli astronomi hanno potuto cogliere leggere variazioni nella luminosità di una stella simili a quelle provocate dal transito di un pianeta. Non si è trattato di una scoperta “semplice”: infatti, sono stati necessari 5 anni di ricerche prima di stabilire che si trattasse effettivamente di un pianeta. Di solito, i pianeti che orbitano intorno a due stelle (chiamati circumbinari) hanno transiti non regolari nel tempo e per questo i ricercatori hanno dovuto attendere prima di poter annunciare i risultati dei loro studi.

Le stelle di questo grande pianeta sono simili al nostro Sole, ma hanno dimensioni diverse tra loro. Il pianeta, invece, è un gigante con una massa e un raggio quasi identici a quelli di Giove, cosa che lo rende  di fatto il più grande pianeta circumbinario in transito mai scoperto. Impiega circa 3 anni a compiere la sua orbita intorno alle stelle, in assoluto il tempo più lungo finora osservato in un pianeta esterno al Sistema Solare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.