VENERDÌ 28 AGOSTO 2015, 004:15, IN TERRIS

KENYA: GRAZIE AD AMREF 1.200 GIOVANI DICONO "NO" ALLA MUTILAZIONE GENITALE

L'associazione ha proposto un "rito alternativo" per il passaggio dall'infanzia all'età adulta

AUTORE OSPITE
KENYA: GRAZIE AD AMREF 1.200 GIOVANI DICONO
KENYA: GRAZIE AD AMREF 1.200 GIOVANI DICONO "NO" ALLA MUTILAZIONE GENITALE
Un rito “alternativo” è quello che oggi a Loitokitok, in Kenya, sancirà il passaggio dall’infanzia all’età adulta di oltre 1.200 ragazze masaai, che altrimenti sarebbero state sottoposte a mutilazioni genitali. A promuovere questo tipo di cerimonia opzionale nel Paese è Amref, e lo fa da tre anni. Il rituale che i masai si tramandano da anni non è stato modificato, se non – appunto – nell’eliminazione della mutilazione cui venivano sottoposte bambine e ragazze. Resta quindi un momento di festa piena, colorato, ma il “taglio” è abolito.

Nei tre giorni che precedono la celebrazione finale, le ragazze ricevono lezioni di educazione alla sessualità, sensibilizzazione su Hiv/Aids e diritti umani. Alla cerimonia sono attesi leader culturali e ragazze da diverse aree del Kenya e dalla Tanzania.

Le mutilazioni genitali femminili, però, restano ancora un problema. L’emersioe della denuncia fuori dal Kenya è possibile per Amref unendo le forze e chiamando in causa persone influenti delle comunità, come gli anziani e i guerrieri masaai. E mostrando che un’alternativa esiste, come ha fatto Nice, operatrice Amref, che è riuscita a sfuggire alle mutilazioni e oggi lavora nella promozione dei Riti Alternativi. Comunque negli ultimi 3 anni sono oltre 7mila le ragazze che hanno partecipato ai Riti di Passaggio Alternativi Amref. Secondo studi fatti, queste giovani continuano ad andare a scuola e si sposano più tardi rispetto alle ragazze che hanno subito mutilazioni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"