LUNEDÌ 20 LUGLIO 2015, 19:30, IN TERRIS

KABUL, "FUOCO AMICO" USA SUI CHECK-POINT AFGHANI: 12 SOLDATI MORTI

Secondo le prime indagini sembrerebbe che si tratti di un incidente. Sia Stati Uniti che Afghanistan hanno aperto un'inchiesta

AUTORE OSPITE
KABUL,
KABUL, "FUOCO AMICO" USA SUI CHECK-POINT AFGHANI: 12 SOLDATI MORTI
Sembrerebbe un tragico errore quanto accaduto oggi a Kabul. Due elicotteri statunitensi hanno attaccato due check-point militari afghani nella provincia orientale di Logar, con un bilancio di 12 soldati morti, due dispersi, ed altri cinque feriti. L'incidente di "fuoco amico", hanno reso noto le autorità afghane, è avvenuto, verso le 7 locali nel distretto di Baraki Barak, quando per ragioni che attualmente sono oggetto di due inchieste (una statunitense e una afghana) i due elicotteri hanno aperto il fuoco contro le postazioni dell'esercito afghano, compiendo un vero e proprio massacro. Se confermato, si tratterebbe del più grave episodio di "fuoco amico" avvenuto dall'ingresso della Coalizione internazionale in Afghanistan nel 2001.

Al riguardo il capo del distretto di Baraki Barak, Muhammad Amin, ha dichiarato all'ANSA che "l'attacco da parte degli elicotteri Usa è durato circa un'ora". A presidio dei check-point, ha aggiunto, "c'erano 14 soldati. I cadaveri di 12 di essi sono stati recuperati mentre altri due risultano dispersi e probabilmente sono sotto le macerie".

Interrogato dai media sull'accaduto, il colonnello Brian Tribus, portavoce del contingente militare americano dispiegato nella provincia di Logar, si è limitato a rispondere che "siamo a conoscenza dell'incidente che coinvolge le forze Usa. La questione è oggetto di una indagine". Ore dopo, in un comunicato, il ministero della Difesa afghano ha sostenuto che i due velivoli Usa stavano sorvolando una zona in cui erano in corso combattimenti fra le forze di sicurezza afghane e i talebani quando sono diventati obiettivo di un lancio di razzi da parte degli insorti.

Questa versione dell'episodio non è stata però confermata dal governatore della provincia di Logar, Mohammad Halim Fidai, secondo cui "sui check-point sventolavano chiaramente bandiere afghane", mentre "nel distretto non vi era alcuno scontro armato in corso". Infine, il presidente della repubblica Ashraf Ghani ha diffuso un comunicato in cui esprime "profondo dolore" per l'accaduto e si rivolge alle forze internazionali chiedendo loro di "adottare tutte le precauzioni possibili affinche' in futuro non si danneggino la popolazione civile e le forze di sicurezza afghane".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"