MERCOLEDÌ 29 APRILE 2015, 16:52, IN TERRIS

ITALICUM: RENZI VINCE IL PRIMO ROUND

LUCA LA MANTIA
ITALICUM: RENZI VINCE IL PRIMO ROUND
ITALICUM: RENZI VINCE IL PRIMO ROUND
Matteo Renzi può sorridere: l'Italicum incassa la prima fiducia dalla Camera con 352 sì e 207 no. Come di consueto il premier si è affidato a Twitter per commentare l'esito della consultazione di Montecitorio.  "Grazie di cuore ai deputati che hanno votato la prima fiducia - La strada è ancora lunga, ma questa è la volta buona".

Decisiva per la tenuta della maggioranza è stata la scelta di votare sì compiuta da alcuni rappresentanti di Area Riformista. Per motivare la propria scelta i parlamentari dem hanno deciso di pubblicare un documento nel quale, pur contestando la decisione di ricorrere al voto di fiducia sulla legge elettorale, hanno spiegato: "Se non ci fossero i numeri il Governo cadrebbe, con tutte le conseguenze del caso. E cadrebbe sulla legge elettorale. Tutti riconoscono che la legge elettorale uscita dal Senato sia molto migliore di quella votata dal PD nel primo passaggio alla Camera. E se è migliore - prosegue la nota - è grazie alle modifiche significative frutto soprattutto del lavoro di Area Riformista e del dialogo dentro il PD. Un risultato che abbiamo il dovere di rivendicare con forza anche se non condividiamo il numero eccessivo di eletti bloccati. L'abbiamo detto, scritto e lo confermiamo. Ma questi motivi sono sufficienti per far cadere un Governo, il nostro Governo, e per di piu' in questa fase delicatissima per l'Italia? Noi di Area Riformista che abbiamo deciso di votare la fiducia crediamo di no. Per questo la votiamo".

La legge elettorale è una delle riforme cardine dell'esecutivo guidato dall'ex sindaco di Firenze. Il primo a chiedere un tempestivo intervento in materia è stato l'ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ad esso ha legato il suo secondo mandato.

Renzi, appena giunto a palazzo Chigi, ha preso l'impegno di portare a compimento la riforma, visto anche l'intervento della Consulta che aveva dichiarato parzialmente incostituzionale il Porcellum (cioè la legge Calderoli). Il primo passo compiuto in questa direzione è stato il patto del Nazareno con Silvio Berlusconi e Forza Italia, fortemente voluto da Napolitano. L'accordo prevedeva l'appoggio esterno del partito azzurro su Italicum e riforma della Costituzione. Ma il naufragio dell'asse con l'ex premier, a seguito dell'elezione di Mattarella a capo dello Stato, ha indebolito il consenso attorno alla legge.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Scontri nei pressi di Betlemme
SCONTRI A GAZA

Hamas: "L'Intifada continui"

In una nota la Santa Sede esprime dolore per gli scontri che negli ultimi giorni hanno mietuto vittime
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Proteste anti-americane a Beirut
GERUSALEMME CAPITALE

Scontri davanti ambasciata Usa a Beirut

Proteste anche in Svezia e in Indonesia