VENERDÌ 31 LUGLIO 2015, 000:05, IN TERRIS

IO PAGO, LORO RUBANO

ANGELO PERFETTI
IO PAGO, LORO RUBANO
IO PAGO, LORO RUBANO
L’ultimo tassello del puzzle è stato sistemato proprio questo mese dai giudici contabili della Sezione giurisdizionale della Basilicata, ma sono anni che faticosamente si sta cercando di ricomporre l’immagine del buco nero che ha inghiottito per anni i soldi degli italiani. Quelli delle tasse, versate in cambio di servizi che non sono mai stati all’altezza dei tributi versati, anche perché quest’ultimi non arrivavano ai Comuni.

I Giudici della Corte dei Conti infatti, hanno condannato la Tributi Italia Spa a risarcire il paese di Scanzano Jonico di un milione 243mila euro – sentenza n.45/2015 – per il mancato versamento di denaro introitato con le tasse dei cittadini a fronte di un contratto per l’attività di accertamento e riscossione. Una società multiforme, che sotto il nome di Tributi Italia inglobava de facto decide di società miste pubblico-private costituite negli anni in tutta Italia. Alla fine delle indagini si contano circa 400 Comuni truffati, per un ammontare complessivo di circa 100 milioni di euro. Uno schiaffo all'equilibrio contabile del sistema Paese.

Parte di questo tesoro sarebbe finito addirittura nelle tasche di alcuni degli amministratori della società, che grazie a una serie di “scatole cinesi”, avrebbero usato i conti delle società minori come una bancomat personale. Ma certo i prelievi non erano di 250 euro…
Secondo la Finanza, il denaro sarebbe servito per yacht, aerei privati, soggiorni in località lussuose e feste mondane. Una situazione che parte nei primi anni 2000 e che fa sentire i suoi nefasti effetti ancora oggi, come testimonia la sentenza citata.

Secondo i giudici il meccanismo di gestione era molto semplice: comandava uno solo, gli altri erano tutti prestanome. Chi beneficiava della “polvere di stelle” era il cerchio magico vicino al dominus, fatto per lo più da parenti. Paradossalmente, la gestione di un impero finanziario che incideva pesantemente sul Pil dell’intera nazione era… a conduzione familiare.

Ma le famiglie, quelle vere, quelle che vivono i territori, hanno subito solo danni. I cittadini perché privati di servizi che avevano comunque pagato con le tasse, frutto di un duro lavoro quotidiano; e i dipendenti della Tributi Italia, finiti prima sul lastrico (già nel 2008 ce n’erano un migliaio che avevano perso il lavoro) e poi nel vortice di un’inchiesta devastante.

Un’indagine difficile, perché le mille società non solo avevano nomi sempre diversi ma cambiavano costantemente e repentinamente management. Tanto che i giudici, in sentenza, scrivono che questo fatto “lungi da costituire valida scusante per la responsabilità, evidenzia comportamenti che nella realtà consentono la parcellizzazione della responsabilità degli Amministratori, con conseguente, prevedibile effetto sugli eventuali addebiti per il mancato versamento dei tributi dovuti ai Comuni”. Insomma, per dirla con una parola sola, un escamotage. Che però non ha ingannato gli investigatori né “impietosito” i magistrati.

Al di là degli aspetti contabili, la questione ha avuto pesanti risvolti penali, con sequestri a Rapallo, Recco, Genova, Roma, Piacenza, alla ricerca dei prestanome che costituivano l’esoscheletro dell’intero meccanismo; il quale aveva ramificato da nord a sud.

Ecco dunque come per anni l’Italia ha visto sparire denaro dalle casse dei comuni; soldi mancanti che inevitabilmente hanno messo in difficoltà l’intera nazione e che, insieme alla crisi finanziaria globale, hanno contribuito a mettere in ginocchio il Paese.

Ironia della sorte, uno dei Comuni dove la società ha operato – truffando anche lì – è il veneto Rubano. Nel nome un destino… Ci sarebbe da sorridere, se non fosse che non solo i nostri concittadini veneti ma tutti noi ancora paghiamo le conseguenze di questo ennesimo incredibile romanzo criminale.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Theresa May
BREXIT

May, schiaffo dai Comuni: il Parlamento avrà il veto

Governo sconfitto sull'emendamento chiave: l'accordo con Bruxelles passerà dall'approvazione parlamentare
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo