SABATO 22 LUGLIO 2017, 007:30, IN TERRIS

Internauti creduloni: solo il 60% sa riconoscere le bufale in rete

Il risultato è il frutto di una ricerca condotta dal gruppo dell'università britannica di Warwick guidato da Sophie Nightingale

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Internauti creduloni: solo il 60% sa riconoscere le bufale in rete
Internauti creduloni: solo il 60% sa riconoscere le bufale in rete
Solo poco più degli utenti del web riesce a scoprire se un'immagine è stata ritoccata o meno. Il risultato è il frutto di una ricerca condotta dal gruppo dell'università britannica di Warwick guidato da Sophie Nightingale e pubblicato sulla rivista Cognitive Research: Principles and Implications.

Il primo esperimento


Il gruppo ha presentato due distinti esperimenti online a 707 volontari che utilizzano frequentemente internet. Nel primo test è stata utilizzata una raccolta di 40 immagini ricavate da 10 foto originali di Google. Sei di queste sono state manipolate in 5 modi diversi, alcuni fisicamente plausibili e altri no, realizzando 30 immagini manipolate. Ai volontari sono poi state mostrate 10 foto, di cui 5 manipolate e 5 originali, in modo casuale.

Il risultato è stato poco confortante: solo il 60% degli intervistati ha riconosciuto le immagini modificate, ma solo il 45% di questi ha anche individuato l'elemento modificato. "Anche se le persone riescono a capire che c'è qualcosa che non va - ha commentato i dati Derrick Watson, coautore dello studio, riportato da Ansa - non sono affidabili nell'identificare esattamente cosa non quadra".

Il secondo esperimento


Nel secondo esperimento i ricercatori hanno mostrato a 659 persone un gruppo di immagini, da loro realizzate, senza dire ai volontari che le foto erano state manipolate. Il risultato ha confermato le stime ricavate nel primo test: le immagini manipolate sono state ricostruite nel 65% dei casi, ma - in questa seconda situazione - ci è voluto il 39% del tempo in più per individuare la manipolazione.

L'allarme fake news


L'esperimento ha una importante ricaduta sociale perchè evidenzia quanto fragili siano le "difese" degli utenti del web dinanzi ai fotomontaggi e alle fake news che girano spesso in internet. Ma perchè in tanti ci cascano? Le ragioni per cui si abbocca sono ancora da chiarire, scrive Repubblica. "Un motivo potrebbe essere che le persone tendono a fidarsi troppo della veridicità delle foto", spiega Nightingale. "Condurremo ulteriori ricerche - conclude - vogliamo capire cosa fare per aiutare le persone a non lasciarsi ingannare".
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto di Mattia Torre sui social network
CULTURA

Addio allo sceneggiatore Mattia Torre

Famoso per aver scritto la serie tv di culto “Boris”, era malato da tempo
Un'immagine del Santuario di Lourdes
PELLEGRINAGGI

La diocesi del Papa in viaggio verso Maria

Pellegrinaggio mariano a Lourdes dal 26 al 29 agosto organizzato dal Vicariato
Palazzo Chigi
POLITICA

Orsina: "Alleanza Pd-M5s? Ecco quando potrebbe avvenire"

Il direttore della School of Government della Luiss analizza gli scenari a Palazzo Chigi e dintorni: "Situazione...
GRECIA

Terremoto in Grecia, paura ad Atene

Il sisma, di magnitudo 5.3, ha bloccato molti in ascensore
Per il 91% degli italiani, le recensioni di TripAdvisor sono attendibili
OCCHIO AL WEB

Recensione negativa per TripAdvisor

Il Consiglio di Stato ha multato la nota community di recensioni online
Bossoli
CAMORRA

Doppia "stesa" a Napoli: paura nella notte

Due bossoli davanti alla chiesa dove fu ucciso Genny Cesarano